Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Collina in fiamme a Vanzone: usati anche droni e canadair
Cronaca Borgosesia e dintorni -

Collina in fiamme a Vanzone: usati anche droni e canadair

Il clima secco e ventoso ha reso particolarmente facile la propagazione del fuoco

incendio vanzone

Collina in fiamme a Borgosesia: incendio nella zona di Santa Maria, sopra Vanzone.

Collina in fiamme l’intervento

Sono state necessarie lunghe ore di lavoro per estinguere l’incendio divampato sul colle di Santa Maria sopra Vanzone. Le squadre dei vigili del fuoco e dell’Aib hanno proseguito a lungo il monitoraggio per spegnere gli ultimi focolai che avrebbero potuto far ripartire le fiamme sotto la vegetazione secca. Le operazioni proseguono dalla notte fra domenica e lunedì, portate avanti anche con l’ausilio dei Canadair e con droni. Il rogo, seppur esteso, è stato mantenuto lontano dalle case della frazione, mentre sulla sommità è arrivato a lambire la chiesetta. Il terreno secco e il vento hanno avuto gioco facile nell’alimentare le fiamme. Sin dalla notte di domenica sul posto hanno lavorato due squadre dei vigili del fuoco di Varallo e i volontari della squadra dell’antincendi boschivi di Borgosesia.

Nuovo allarme

La situazione sembra risolta, ma nella mattinata di lunedì il colle ha ripreso a bruciare, in più punti. Raggiunto dalla fiamme, alte sino a tre metri, anche il piazzale della chiesetta di Santa Maria e della vicina costruzione che ospita un antico affresco (la Messa di San Gregorio) risalente al 1404. Ripresa l’opera di spegnimento, si sono aggiunte squadre dell’Aib di Valduggia, Grignasco, Ailoche e Quarona (nell’arco di tre giorni sono stati impiegati una cinquantina di volontari), mentre dall’alto un Canadair dei vigili del fuoco ha compiuto una decina di lanci d’acqua contribuendo al contenimento dell’incendio. Nella notte, oltre al presidio dei volontari dell’Aib, sono stati impiegati due droni arrivati dal comando regionale di Torino dei vigili del fuoco: oltre a monitorare, gli apparecchi servono a realizzare una mappatura precisa dell’area per consentire valutazioni più efficaci in caso di successivi interventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente