Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Furto gasolio: il ladro scoperto tenta la fuga in bicicletta
Cronaca Fuori zona -

Furto gasolio: il ladro scoperto tenta la fuga in bicicletta

Operazione dei carabinieri nel Vercellese, arrestato un 24enne che aveva derubato un agricoltore vicino di casa

Furto gasolio: il ladro scoperto tenta la fuga in bicicletta ma i carabinieri riescono a raggiungerlo e ad arrestarlo

Furto gasolio: il ladro era il vicino di casa

I carabinieri di Stroppiana hanno arrestato C.D., 24enne, residente a Caresana, pregiudicato per reati contro il patrimonio, la persona e in materia di stupefacenti. E’ ritenuto responsabile di furto, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Lunedì mattina un 51enne, titolare di un’azienda agricola di Caresana, aveva richiesto l’intervento dei militari perché aveva trovato aperto un cancello carraio della propria tenuta e temeva che si fossero introdotti dei ladri. L’uomo solo il giorno prima aveva denunciato diversi furti di gasolio dal serbatoio del suo trattore. I carabinieri, che avevano già effettuato primi accertamenti e sospettavano una persona residente poco distante, hanno effettuato un sopralluogo in un cortile vicino all’impresa agricola. E qui, nascoste sotto ad alcuni stracci, c’erano sei taniche piene di gasolio.

La fuga e l’inseguimento

Uno dei carabinieri è rimasto a guardia delle taniche, mentre il collega avviava le ricerche del proprietario dell’abitazione. Dopo solo pochi minuti, il 24enne rincasava ed iniziava a spostare le taniche all’interno della sua abitazione ma, quando il militare ha tentato di fermarlo, l’uomo ha inforcato una bicicletta fuggendo. La fuga è durata pochissimo, l’uomo è stato raggiunto dall’auto di servizio e, in un ultimo disperato tentativo di dileguarsi, ha abbandonato la bici cercando la fuga a piedi, ma è stato bloccato dai carabinieri. Ne è quindi nata una breve colluttazione nella quale uno dei due militari è rimasto lievemente contuso. La refurtiva contenuta nelle sei taniche è stata sequestrata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente