Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Ghemme angoscia per la 22enne caduta con lo scooter
Cronaca Novarese -

Ghemme angoscia per la 22enne caduta con lo scooter

Da venerdì la ragazza è ricoverata all'ospedale Maggiore di Novara: messaggi di incoraggiamento sui social.

ghemme alessia

Ghemme angoscia per la  ragazza che venerdì scorso è finita in un fossato a lato strada. E’ ancora ricoverata all’ospedale Maggiore di Novara.

Ghemme angoscia per la ragazza caduta in scooter lungo la circonvallazione

Il paese di Ghemme è ancora in ansia per la ragazza di 22 anni che venerdì sera è caduta con lo scooter lungo la circonvallazione, finendo nel fossato a lato strada. Tuttora si trova ricoverata all’ospedale di Novara. Venerdì stava percorrendo la circonvallazione in direzione di Romagnano, quando ha perso il controllo della sua motocicletta finendo nel fossato. Durante la corsa incontrollata la giovane ha anche abbattuto alcuni cartelli pubblicitari a bordo della strada. Nell’impatto la ragazza ha perso il casco e le sue condizioni sono parse subito molto gravi ai soccorritori. Tanto che si è reso necessario l’arrivo dell’elisoccorso per trasportarla al nosocomio novarese. L’incidente è avvenuto poco prima del bivio con la strada provinciale per Cavaglio.

Un tratto già teatro di altri incidenti

Oltre al personale medico del 118, sono intervenuti gli agenti della polizia locale delle Colline novarese, i carabinieri e una pattuglia dei vigili del fuoco, che ha fornito il supporto per il delicato recupero della giovane, finita nel burrone in prossimità di una semicurva appena dopo l’area scolastica di Ghemme. Un pezzo di strada non nuovo a incidenti e spesso finito nel mirino dei residenti per la sua pericolosità. Non ancora note le cause dell’uscita di strada, ancora al vaglio degli inquirenti. La notizia della disgrazia ha fatto presto il giro del paese e sui social sono subito fioccati messaggi di incoraggiamento per la ragazza e la sua famiglia.

Nella foto, il luogo dell’incidente.

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente