Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Ladri di rame al cimitero, ma il colpo fallisce
Cronaca Sessera, Trivero, Mosso -

Ladri di rame al cimitero, ma il colpo fallisce

Al camposanto di frazione Cereie i malviventi avevano smontato le canaline di una cappella privata, poi però le hanno lasciate lì

Ladri di rame in azione al cimitero di Cereie a Trivero, dove sono state staccate le grondaie da una cappella privata. E’ successo nei giorni scorsi, proprio prima del giorno di Ognissanti. I malviventi hanno agito in piena notte, ed erano riusciti a staccare già buona parte delle canaline di rame. Le avevano lasciate poi appoggiate in un angolo forse con l’obiettivo di recuperarle più tardi, oppure sono stati disturbati e hanno dovuto allontanarsi senza più riuscire a tornare a prendere la refurtiva. Colpo sventato dunque, ma il danno ormai era fatto.

Intanto sull’episodio indagano i carabinieri della caserma di Trivero per cercare di risalire ai colpevoli del tentato furto. Il camposanto di Cereie sorge in un luogo isolato, lontano dal centro abitato. E’ stato quindi facile per i ladri introdursi e lavorare senza problemi smontando le canaline. Qualcosa però è andato storto.

Ormai tutti i cimiteri di Trivero sono stati, a turno, presi di mira. Qualche anno fa i malviventi erano riusciti a portare via le canaline di scolo dalle cappelle di Ponzone, e in questo caso il colpo era andato a segno. Di recente invece si segnala il colpo al cimitero di Masseranga a Portula, dove sono state asportate le condutture sempre in rame.

E dire che solo l’anno scorso i carabinieri avevano sgominato una banda responsabile di numerose razzie e da allora i “blitz” tra le tombe erano fortemente diminuiti. Nell’ultimo anno però i ladri dell’oro rosso sono tornati a farsi vedere in zona. Come detto, a maggio c’era stato il colpo a Masseranga di Portula, ma anche il camposanto di Flecchia a Pray era stato preso di mira. In passato colpi di rame anche al cimitero di Sostegno ad Asei, tutti posti in posizioni isolate.

Articolo precedente
Articolo precedente