Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Mamma ricorda figlio morto a 28 anni: “Ora è libero nell’infinito”
Cronaca Sessera, Trivero, Mosso -

Mamma ricorda figlio morto a 28 anni: “Ora è libero nell’infinito”

Francesco Piombo, conosciuto nella zona di Mosso, era stato trovato senza vita nella sua camera da letto pochi giorni fa

Mamma ricorda figlio morto a 28 anni: “Ora è libero nell’infinito”. Numerosi hanno dato l’ultimo salito a Francesco Piombo, 28enne trovato morto nella sua camera da letto.

Mamma ricorda figlio morto a 28 anni: “Ora è libero nell’infinito”

La tragedia risale alla scorsa settimana ed è avvenuta a Santhià, dove viveva. Ma Francesco Piombo i suoi anni della gioventù li aveva passati a Mosso e dintorni. Ed è qui che è stato sepolto.
Tanti i ricordi anche sui social come quello di mamma Donatella: «Francesco ora è libero nell’infinito. Sarai libero nell’infinito Ma sarai libero dentro di me. E tu vivi in me». Il padre Daniele Tarasco invece ha scritto: «L’addio è avvenuto nel cimitero tra Mosso e Veglio, i due paesi dove Checco aveva abitato nel biellese che amava». E citando una canzone di Guccini ha aggiunto: «Voglio però ricordati così, Pensare che ancora vivi, voglio pensare che ancora mi ascolti. E che come allora sorridi. Sarai nel mio cuore “siempre””. L’amico Fabrizio Sartore invece sempre sui social ha scritto: «E adesso vola, come forse prima non hai mai saputo o potuto fare. Vola più alto del dolore e di ogni rimpianto… e sii sereno».
A Veglio e a Mosso aveva frequentato le scuole elementari e medie, oltre ad alcuni anni di superiori. Soltanto di recente si era trasferito nel Vercellese. Da qualche tempo viveva a Santhià, insieme al padre, Daniele Tarasco. Dopo la scuola, aveva svolto diversi lavori, come imbianchino e nei cantieri edili in particolare. Come tanti coetanei, alla ricerca di un futuro e di un po’ di stabilità. Lui cercava di farlo tenendo ben presenti alcuni valori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente