Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Muore alpino sulla via del Gasherbrum IV: aveva solo 32 anni
Cronaca Fuori zona -

Muore alpino sulla via del Gasherbrum IV: aveva solo 32 anni

Un caporale scelto di Cuneo è stato travolto durante un passaggio nella catena Karakorum.

Muore alpino sulla via del Gasherbrum IV: Maurizio Giordano aveva solo 32 anni ed era originario di Cuneo.

Muore alpino sulla via del Gasherbrum IV: aveva solo 32 anni

Un caporale maggiore degli alpini è morto nell’attraversamento di quella che viene chiamata la “seraccata degli italiani”, passaggio obbligato per raggiungere la vetta del Gasherbrum IV, nella catena del Karakorum. Si tratta di Maurizio Giordano, 32 anni, che con altri quattro militari partecipava alla spedizione dell’Esercito italiano iniziata il mese scorso con l’obiettivo di raggiungere la difficile vetta a quota 7925 metri, sul confine fra Cina e Pakistan.

Travolto da neve e ghiaccio

Secondo il rapporto militare, gli alpinisti “si trovavano impegnati nella fase di acclimatamento dopo l’attraversamento della grande seraccata dell’Ice Fall e infine proprio in questi giorni il superamento della seconda seraccata detta “degli Italiani” che, dopo il montaggio di un campo intermedio provvisorio, ha visto gli alpinisti allestire il Campo 3 ai piedi del colle da cui si sviluppa la linea di cresta percorsa da Bonatti e Mauri. I componenti delle due cordate hanno passato la notte al Campo 3 (7050 metri) e questa mattina presto hanno esplorato i primi metri di cresta prima di decidere il rientro verso il Campo 1 avendo ultimato la fase di acclimatamento alle quote superiori ai 7000 metri. Nella fase di discesa ed attraversamento della seraccata degli italiani, durante le fasi di calata in corda doppia, è avvenuto un distacco della seraccata che ha coinvolto Giordano in un incidente mortale. La dinamica dell’incidente è ancora tutta da verificare con i componenti della spedizione che comunque confermano di non essere stati coinvolti direttamente e di essere al momento impegnati nelle operazioni di recupero e sicurezza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente