Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Poliziotti aggrediti, coinvolta anche pattuglia di Varallo
Cronaca Varallo e Alta Valsesia -

Poliziotti aggrediti, coinvolta anche pattuglia di Varallo

L'altra sera pugni al volto contro i poliziotti e auto di servizio presa a calci: scattano le manette per due pregiudicati.

Poliziotti aggrediti, coinvolta anche pattuglia della polstrada di Varallo.

Poliziotti aggrediti con pugni al volto

Anche una pattuglia della polizia stradale di Varallo coinvolta in un’aggressione assieme ai colleghi di Vercelli. E’ accaduto sabato notte a Vercelli. Gli agenti avevano fermato un’autovettura con a bordo tre soggetti che, a seguito di una prova etilometrica positiva, davano segni di alterazione. I poliziotti venivano immediatamente aggrediti prima verbalmente e poi fisicamente da due dei tre occupanti dell’autovettura fermata poco prima. Nello specifico, dopo una serie minacce lanciate all’indirizzo degli operatori, gli stessi venivano attaccati fisicamente, e uno veniva colpito con un violento pugno all’altezza del sopracciglio, dal quale iniziava una copiosa fuoriuscita di sangue. Un secondo agente rimediava un violento colpo al collo mentre un terzo poliziotto veniva centrato da un violento colpo che gli feriva il labbro.

Alla fine scattano le manette

Altri due agenti accorrevano in aiuto dei colleghi, ma i due soggetti, in preda alla rabbia e all’abuso di alcol, continuavano a minacciare di morte i poliziotti e danneggiavano pure un’autovettura di servizio colpendola con numerosi pugni e calci. Dopo circa un’ora gli agenti della Squadra volante riuscivano definitivamente ad immobilizzare i due soggetti impedendo che gli stessi rendessero ancora più “incandescente” la situazione. I criminali, due fratelli italiani pluripregiudicati per vari reati, venivano accompagnati in Questura. E qui, dopo gli accertamenti di rito, venivano arrestati per i reati di resistenza, lesioni, oltraggio e minacce aggravate a pubblico ufficiale, oltre che per danneggiamento aggravato.

Foto d’archivio

Un Commento

  • Claudio ha detto:

    Ma vi è mai capitato di vedere che accade in America?
    Per molto meno, “ci lasciano le penne”…altrochè portarli in Questura!
    La…vanno “direttamente all’Obitorio”!!!
    Qui da noi…siam “troppo permissivi”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente