Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Trivero addio Gilberto Secco: è stato investito da un’auto
Cronaca Sessera, Trivero, Mosso -

Trivero addio Gilberto Secco: è stato investito da un’auto

Aveva 89 anni ed era ancora in perfetta forma

Trivero addio Gilberto. Lo storico presidente dell’Avis era stato investito lo scorso giovedì in via Marconi a pochi metri da casa. L’uomo aveva subito un violento trauma cranico, ha lottato per giorni in un letto di ospedale ma le sue condizioni erano troppo critiche

Trivero addio Gilberto, primo presidente dell’Avis

Non ce l’ha fatta Gilberto Secco, lo storico presidente dell’Avis Trivero, investito lo scorso giovedì in via Marconi a Trivero da un’auto a pochi metri da casa. Si è spento nella notte di martedì in ospedale dove era ricoverato. Le sue condizioni erano troppo gravi dopo l’urto subìto. La notizia ieri si è sparsa in poco tempo in paese, anche se per il momento non sono state affisse ancora le epigrafi. Si aspetta infatti il nulla osta per poter celebrare il funerale. Aveva 89 anni ed era ancora in perfetta forma. La scorsa settimana di prima mattina era uscito come sempre da casa, si era recato a Lora per le commissioni e poi attraversando la strada poco dopo la rotonda del Centro Zegna è stato travolto da un’auto condotta da una 77enne.

Un incidente avvenuto sotto gli occhi di diverse persone

Subito il pensionato era stato soccorso da un agente della polizia municipale di Trivero che passava da quelle parti, poi sul posto era intervenuto il 118 di Trivero e quindi si era proceduto al trasporto d’urgenza al “Maggiore” di Novara. L’uomo aveva subito un violento trauma cranico, ha lottato per giorni in un letto di ospedale ma le sue condizioni erano troppo critiche. Alla fine si è dovuto arrendere. Secco era stato infatti il primo presidente e uno dei storici fondatori che aveva dato vita alla sezione dell’Avis triverese, di cui era ancora consigliere. Inoltre, era un grande appassionato di montagna. Aveva lavorato per anni nel gruppo Zegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente