Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Vandali Grignasco: a fuoco la carta lasciata fuori dalle case
Cronaca Serravalle e Grignasco -

Vandali Grignasco: a fuoco la carta lasciata fuori dalle case

Danneggiata una vetrina, mentre un'auto ha rischiato di incendiarsi

vandali grignasco

Vandali Grignasco incendiano la carta lasciata nei contenitori della raccolta differenziata.

Vandali Grignasco danno fuoco alla carta

Fiamme tra la carta lasciata fuori dalle case per la raccolta porta a porta: la vetrina di un negozio è stata danneggiata e un’auto ha rischiato di incendiarsi. La vicenda è accaduta lunedì sera in alcune vie di Grignasco. «Martedì mattina gli addetti incaricati raccolgono la carta quindi lunedì sera le famiglie e gli esercizi commerciali lasciano fuori dalle loro porte gli appositi contenitori – spiega il sindaco Roberto Beatrice -. Due persone hanno pensato di dare fuoco alla carta in quattro posti creando anche dei danni».  Le conseguenze dell’azione dei vandali sono state molteplici. «Una vetrina ha subito dei danni. Una vettura in sosta ha rischiato di prendere fuoco e solo grazie all’intervento tempestivo di una cittadina si è evitato il peggio – prosegue il primo cittadino -, mentre in atri due punti del paese gli abitanti si sono trovati con la carta bruciata».

Indignazione tra i cittadini

La vicenda ha suscitato tra i cittadini parecchia indignazione. «Ero in paese anch’io quando è accaduto il fatto – prosegue il sindaco -, adesso sono partite le denunce da parte del Comune e di alcuni abitanti. I carabinieri acquisiranno le immagini delle telecamere del Comune e quelle dei privati per risalire a coloro che hanno commesso gli atti».  Questa non è la prima volta che accadono fatti del genere in paese. «Circa quindici giorni fa era stata incendiata una palma al parco Mora – sottolinea Beatrice – e poi c’era stato un tentativo di incendio nel bosco nella frazione di Torchio, pare che in quest’ultimo caso avessero cercato di utilizzare l’acqua ragia per appiccare le fiamme. Le indagini sono in corso e speriamo di identificare al più presto i responsabili».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente