Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Viaggiava su auto diplomatica con bandiera Onu: denunciato
Cronaca Fuori zona -

Viaggiava su auto diplomatica con bandiera Onu: denunciato

La Polizia di Vercelli ha fermato un uomo alla guida di un veicolo dotato di lampeggianti. E che non è riuscito a giustificarsi.

Viaggiava su auto diplomatica con targhette farlocche e a bordo una bandiera Onu: fermato dalla polizia di Vercelli, non ha saputo dare spiegazioni ed è stato denunciato.

Viaggiava su auto diplomatica e con lampeggianti della Polizia

Ieri pomeriggio la polizia di Stato di Vercelli ha fermato un’autovettura di grossa cilindrata, con targa straniera, che fin da subito ha destato sospetto negli agenti. Sul veicolo erano ben visibili alcune targhette con la scritta “Diplomatic corps” e “Asian development bank”. La volante ha condotto il conducente in Questura per le opportune verifiche. E intanto si è accertato di come, oltre alle targhette, l’autovettura fosse dotata di lampeggianti stroboscopici a led di colore blu. Apparecchi uguali a quelli in dotazione alle auto delle forze dell’ordine in servizio di scorta. Erano applicate alla calandra anteriore del veicolo e azionabili con un tasto posto sul cruscotto. E potevano essere indebitamente utilizzati per eludere e sottrarsi ad eventuali controlli della polizia o ad accreditarsi come appartenente ad essa.

La bandiera Onu nel bagagliaio

Inoltre nel baule posteriore è stata rinvenuta una bandiera azzurra recante il logo dell’Onu applicata ad un’asta metallica con innesto, adatta ad essere agganciata al passaruota anteriore destro della vettura. Stessa procedura che avviene per le auto dei rappresentanti di Stato. Ma l’uomo non è riuscito a dare spiegazioni credibili del perché montasse le targhette ed il lampeggiante, nè del perché avesse in uso una bandiera dell’Onu. Tutti gli oggetti in questione sono stati sequestrati e l’uomo denunciato in stato di libertà per aver illecitamente detenuto oggetti che simulano la funzione dei corpi di Polizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente