Notizia Oggi Borgosesia > Cultura e turismo > Alpàa Varallo: dieci concerti gratuiti con i grandi nomi della musica | VIDEO E FOTO
Cultura e turismo Varallo e Alta Valsesia -

Alpàa Varallo: dieci concerti gratuiti con i grandi nomi della musica | VIDEO E FOTO

L'evento tra il 12 e il 21 luglio: anche quest'anno sono attesi 200mila visitatori. Ecco il programma.

Alpàa Varallo: anche quest’anno dieci concerti gratuiti con i grandi nomi della musica. La maggiore manifestazione della provincia prende il via venerdì 12 luglio e si conclude domenica 21.

Alpàa Varallo: un evento nato dalla tradizione dei pastori

Il nome Alpàa richiama il momento di festa in ricordo dei pastori dell’alta Valsesia che scendevano a valle per dare vita al mercato dei prodotti della montagna. E in 43 anni è diventato l’evento numero uno non solo della Valsesia, ma di tutta la provincia. Un evento in grado di portare a Varallo anche 200mila persone nei dieci giorni di kermesse. Nato nel 1977 dall’Associazione Alpàa che ne ha curato l’organizzazione fino all’edizione 2008, ora l’evento è gestito dal Comitato per l’Alpàa, del quale fanno parte con un loro rappresentante il Comune di Varallo, la Pro loco Varallo, il Comitato carnevale Varallo e la condotta Slow Food Valsesia.

Dieci con certi gratuiti con i vip della musica

Il punto di forza ed elemento trainante della manifestazione sono i concerti gratuiti ospitati nel cuore della città, piazza Vittorio Emanuele II: qui si sono esibiti artisti del calibro di Lucio Dalla, Giorgia, Gianna Nannini, Francesco de Gregori, i Pooh, Fiorella Mannoia, Antonello Venditti, Pino Daniele, Cesare Cremonini, Mario Biondi, Irene Grandi, Francesco Renga, Alessandra Amoroso, Max Pezzali, J AX, Eugenio Finardi, Amii Stewart, Renzo Arbore, Malika Ayane, Arisa.

Il programma dell’edizione 2019

Anche il programma della 43° edizione vede una line up di primissimo ordine. Ecco le date e grandi nomi che saranno protagonisti di questa Alpàa.

Venerdì 12 luglio: Gabry Ponte

Sabato 13 luglio: Vittorio Sgarbi al Sacro Monte con un evento dedicato a Leonardo da Vinci e V.O.B. Party Band in piazza Vittorio

Domenica 14 luglio: Rocketti band per un tributo a Vasco Rossi

Lunedì 15 luglio: Roberto Vecchioni

Martedì 16 luglio: Riccardo Fogli

Mercoledì 17 luglio: Negrita

Giovedì 18 luglio: Deejay Time con Albertino, Molella, Fargetta e Prezioso

Venerdì 19 luglio: Carl Brave

Sabato 20 luglio: finale nazionale di Una voce per l’Alpàa

Domenica 21 luglio: Luca Carboni

Parallelamente ai concerti in Piazza Vittorio Emanuele, il programma musicale prevede ben sette appuntamenti di musica classica presso il Palazzo dei Musei; esibizioni in collaborazione con L’Associazione Valsesia Musica, organizzatrice del celebre Concorso Internazionale Valsesia Musica, una delle più importanti competizioni musicali a livello mondiale. Tutti i concerti sono rigorosamente gratuiti.

Tantissime occasioni per degustare specialità della valle

E mentre la musica allieta i pomeriggi e le serate dell’estate della Valsesia, le piazze e le vie di Varallo si popolano degli stand enogastronomici: la Piazza San Carlo, che proprio per la sua conformazione urbanistica e la vicinanza con i musei, è considerata il salotto architettonico del centro storico cittadino, durante l’Alpàa ospita la raffinata “Piazza del gusto” dove sarà possibile trovare gli espositori dei prodotti tipici locali e nel vicino Parco D‘Adda, ogni giorno, gli stand delle Pro loco valsesiane e delle associazioni locali che propongono i piatti tipici della tradizione.

L’area commerciale lungo il viale e nelle vecchie contrade

Dalla zona della stazione fino a piazza Vittorio Emanuele II, il lungo viale alberato di Varallo conosciuto come l’Allea, vi sarà la mostra mercato con l’area commerciale. Saranno presenti oltre cento espositori, di varie tipologie, provenienti da molte regioni italiane e dalla vicina Francia. Le suggestive strette viuzze di Varallo che hanno conservato l’antico impianto urbanistico, riprendono vita attraverso le contrade storiche, che pur con le nuove denominazioni viarie intercorse tra Otto e Novecento, conservano nella dicitura tradizionale i nomi dei prodotti locali venduti: la contrada del burro, quella della tela e quella del vino. Le caratteristiche vie nei giorni di Alpàa si popoleranno quindi di piccoli artigiani, produttori e hobbisti che con le loro bancarelle e le botteghe aperte, caratterizzeranno un angolo particolarmente suggestivo del centro storico.

Una rassegna di artigianato d’eccellenza

L’artigianato e la Valsesia sono un binomio che ha attraversato i secoli e ancora oggi il legame è indissolubile: il puncetto, lo scapin valsesiano, l’intaglio del legno, la lavorazione della terracotta e la pirografia sono parte del dna del territorio. Per questo motivo, un ruolo fondamentale nel programma dell’Alpàa è ricoperto, da sempre, dall’artigianato. L’artigianato della Valsesia si può definire un artigiano artistico grazie a un talento e a una creatività, figli della tradizione che ha avuto origine nel XV secolo nel cantiere del Sacro Monte di Varallo. il Sacro Monte di Varallo è il più antico e importante dei 9 Sacro Monti presenti tra la Lombardia e il Piemonte che ricordiamo essere, dal 2003, Patrimonio dell’Unesco.

Ci sono anche i prodotti a marchio registrato

Piazza Antonini e Palazzo D’Adda per l’occasione diventano i punti principali per gli amanti dell’artigianato. Il prestigioso Palazzo D’Adda si trasforma nel “Palazzo dell’Artigianato” e ospita gli artigiani della Società Operaia di Mutuo Soccorso di Varallo, associazione fondata nel 1859, impegnata ancora oggi nella tutela e nella valorizzazione dell’artigianato tipico valsesiano. L’allestimento prevede una parte dimostrativa e commerciale con tante piccole bancarelle nel cortile delle scuderie mentre all’interno del Palazzo trovano spazio i prodotti a “Marchio Registrato”.

L’artigianato della Valsesia vede gli artisti impegnati nello sviluppo di nuovi prodotti utilizzando sia innovazioni “meccaniche” sia le tecniche tradizionali, il tutto per produzioni che oggi vanno dalla scultura all’intaglio, dal restauro all’ebanistica, dalla tornitura alla liuteria o all’impagliatura. Piazza Antonini vedrà tutte le sere gli artigiani impegnati nelle diverse dimostrazioni.

Il connubio con i murales d’autore

In ogni forma d’arte e più in generale in tutte le forme di espressione il dialogo tra passato e presente è continuo, una forma di eredità che attraversa ogni aspetto della vita di una comunità e di un territorio. A tal proposito Alpàa vede, da qualche anno, l’organizzazione di Waral, un evento ideato e curato dall’Assessorato alla Cultura della Città di Varallo che porta nel centro della città i murales d’autore. Famosi artisti dal mondo della Street Art e del Graffiti Writing sono intervenuti negli anni e interverranno anche quest’anno con i loro peculiari linguaggi in un ideale dialogo con la ricca tradizione culturale del luogo. L’obiettivo è quello di creare un museo a cielo aperto, che possa arricchire l’offerta artistica del territorio e richiamare un nuovo pubblico al quale far scoprire il patrimonio locale. La fonte d’ispirazione per gli artisti sono il contesto cittadino, la storia, le tradizioni e l’arte: le preziose collezioni custodite nella Pinacoteca di Varallo, tra le quali spiccano le opere di Tanzio da Varallo, di Gaudenzio Ferrari e il complesso del Sacro Monte, dalla cui posizione privilegiata sarà possibile, una volta portato a termine il progetto, cogliere in un unico colpo d’occhio tutte le opere realizzate sui muri della Città.

Il Sacro Monte, orgoglio della Valsesia

Come dimostrato proprio dal progetto Waral, il rapporto tra Varallo, la sua manifestazione Alpàa e il Sacro Monte è strettissimo. Un dialogo continuo, un’integrazione totale tra le attività culturali, quelle sportive e il contesto; dialogo facilitato anche dalle molteplici vie di accesso al complesso monumentale del Sacro Monte. I visitatori possono infatti scegliere se raggiungere i luoghi attraverso un itinerario a piedi che conduce dapprima in una zona boschiva, quindi in un’area organizzata come un giardino rinascimentale all’italiana, con preziose siepi di bosso accuratamente foggiate fino a raggiungere una zona urbana, con due piazze, contraddistinta dai palazzi e dalla maestosa Basilica, oppure utilizzando la panoramica funivia che collega Varallo e il Sacro Monte. L’infrastruttura, inaugurata nell’agosto del 1935, riconosciuta da tutti come un gioiello tecnologico rappresenta ancora oggi la funivia più ripida in Europa.

Tante proposte anche per i più piccoli

Anche quest’anno grande attenzione è stata riservata ai servizi offerti ai visitatori, anche ai più piccoli. Partner della manifestazione è l’azienda Chicco che all’interno del parco della Villa Durio allestirà il Parco Giochi Chicco, una «Welcome Area» con numerosi servizi family friendly:

Area Allattamento – allestita con cuscini Boppy, un angolo di tranquillità per le mamme che potranno allattare in totale serenità;

Area Cambio – dove troverete fasciatoi e tutto il necessario per cambiare in comodità i vostri bambini, senza dover portare tutto da casa;

Area Gioco – dove si potrà giocare insieme ai propri bimbi.

Informazioni e contatti

Tutte le informazioni relative al programma, agli orari e a come raggiungere Varallo sono disponibili sul sito www.alpaa.net, o al Teatro Civico in piazza Vittorio Emanuele II (0163.562712)

Per informazioni:

339.4282833 – 0163.562712

info@alpaa.net – www.alpaa.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente