Notizia Oggi Borgosesia > Cultura e turismo > Chiesa Gattinara ospita l’arte del Gaudenzio: torna il polittico
Cultura e turismo Gattinara e Vercellese -

Chiesa Gattinara ospita l’arte del Gaudenzio: torna il polittico

L'opera era stata smembrata agli inizi del Ottocento, da ieri è visibile nella città del vino.

Chiesa Gattinara ospita l’arte del Gaudenzio: torna il polittico. Si tratta di una riproduzione dell’opera d’arte originale, che invece è stata smembrata e si trova in alcuni musei del territorio, tra Vercelli e Varallo. Ma da alcuni giorni, fedeli e visitatori potranno ammirare l’opera che Gaudenzio Ferrari aveva realizzato per la chiesa parrocchiale di San Pietro in Gattinara.

Chiesa Gattinara ospita l’arte del Gaudenzio: torna il polittico

L’iniziativa è stata promossa dal Rotary club diGattinara e dall’architetto Fulvio Caligaris (da poche settimane socio del Rotary gattinarese) e mira a riportare un altro pezzo della chiesa di San Pietro al suo posto, anche se si tratta di una riproduzione su un pannello metallico.

LEGGI ANCHE Gaudenzio Ferrari: opera portata a Varallo, si arrabbia Arona

Il dipinto posato nel 1525

Intorno al 1525, infatti, sull’altare maggiore della chiesa quattrocentesca venne posizionata la grande pala d’altare dorata dipinta da Gaudenzio Ferrari, delle dimensioni di circa 2,70 metri di altezza e 3,40 metri di base. Questo polittico era composto da 14 tavole di diverse dimensioni. La più grande era quella centrale rettangolare raffigurante la Madonna con Bambino in trono, affiancata a sinistra da San Giovanni Battista e da San Pietro, a destra da San Giovanni Evangelista e San Giacomo. Nella predella c’erano nove tavole raffiguranti i quattro Dottori della Chiesa, San Ambrogio, San Gregorio, San Gerolamo e Sant’Agostino, oltre a due gruppi di quattro Apostoli e Cristo benedicente o Salvatore, affiancato da due coppie di Apostoli, San Giovanni Evangelista e Sant’Andrea a sinistra, San Pietro e San Giacomo a destra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente