Notizia Oggi Borgosesia > Cultura e turismo > Ospizio Sottile il gestore molla tutto e se ne va
Cultura e turismo Varallo e Alta Valsesia -

Ospizio Sottile il gestore molla tutto e se ne va

Rescisso il contratto, adesso il Comune di Riva Valdobbia è costretto a cercare qualcun altro

Ospizio Sottile il gestore molla tutto e se ne va

Ospizio Sottile il gestore molla tutto e se ne va

L’Ospizio Sottile è di nuovo senza gestore. Meno di un anno dopo il loro ingresso, la coppia di bellunesi che nel 2017 aveva rilevato lo storico rifugio di Riva Valdobbia ha rescisso il contratto e ha lasciato il posto vacante. Anche nell’ultima riunione di consiglio, il sindaco Alberto Giacomino ha comunicato che la società Oscarone snc ha dato comunicazione di recesso dal contratto. A breve quindi potrebbe venire pubblicato un nuovo bando, come viene descritto: «Nell’annualità 2017 il bando per la gestione del rifugio Ospizio Sottile era stato fatto in  questo periodo dell’anno ma, proprio per l’impossibilità di raggiungere l’immobile al fine di  effettuare  il  sopralluogo,  era  stata  data  la  possibilità  ai  candidati  di  partecipare  senza  la presa visione dei locali.  Vista la difficoltà di gestione di tale struttura, per far meglio conoscere la realtà del rifugio  a  chi  è  interessato  a  partecipare  al  bando di gestione scelto  di  rimandare  la pubblicazione a questa primavera».

Un progetto per riqualificare la struttura

Ma il primo cittadino ha annunciato anche che grazie al finanziamento del Piano di sviluppo rurale 2014-2020 relativamente al progetto turistico che include la “Grande Traversata della Valsesia” sono previste opere  di  riqualificazione  al rifugio  Ospizio  Sottile,  le  quali  verranno eseguite non appena le condizioni meteo lo permetteranno. Ha aggiunto il primo cittadino:  «Si  cercherà quindi  di dare  in  gestione  il  rifugio  Ospizio  Sottile  al  temine  dei  lavori  per  evitare  che  il  nuovo  gestore  si  trovi  nella  condizione  di  non  poter  esercitare l’attività turistico-ricettiva».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente