Notizia Oggi Borgosesia > Cultura e turismo > Pinacoteca Varallo: arrivano gli “aperitivi con il curatore”
Cultura e turismo Varallo e Alta Valsesia -

Pinacoteca Varallo: arrivano gli “aperitivi con il curatore”

Nuove, curiose iniziative dopo la mostra dedicata a Gaudenzio Ferrari

pinacoteca varallo

Pinacoteca Varallo riprende le sue attività: in programma, tra le altre iniziative, l'”Aperitivo con il curatore”.

Pinacoteca Varallo le attività

Il Palazzo dei Musei di Varallo si presenta con una nuova veste, ancora più accattivante. Dopo la grande mostra dedicata a Gaudenzio Ferrari l’istituzione varallese riprende la normale attività con nuove e allettanti iniziative a carattere divulgativo. “Aperitivo con il curatore”, questo è il titolo degli appuntamenti che si terranno il venerdì, ogni 15 giorni, che si propone di abbinare la scoperta di aspetti particolari delle collezioni abbinati alla convivialità di un aperitivo realizzato dalla collaborazione con bar e ristoranti sempre diversi. «Alla fine del mese – spiega Carla Falcone, direttore e conservatore della Pinacoteca – i visitatori avranno un nuovo museo. Dopo la mostra si è deciso di utilizzare una parte degli allestimenti per rinnovare la disposizione delle collezioni. Il primo appuntamento con gli “Aperitivi con il curatore” sarà incentrato proprio su questo aspetto e l’ingresso in museo di alcune opere scultoree donate da Filippo Maria Ferro, docente di psichiatria all’università di Chieti che si è occupato anche di arte e della pittura lombarda e piemontese».

Il primo evento

Il primo appuntamento, curato da Carla Falcone e Paola Angeleri, è previsto per il 9 novembre e sarà intitolato “La Pinacoteca dopo la mostra su Gaudenzio: nuovi allestimenti nel corso del quale l’attenzione sarà concentrata sulle sculture recentemente entrate a far parte delle collezioni. Tutte le opere di scultura sono state studiate per la realizzazione del catalogo curato da Marco Tanzi. Il 16 novembre l’incontro invece sarà dedicato al Museo Calderini. Marta Coloberti parlerà dell’esemplare di lupo trovato senza vita nel territorio valsesiano e che sta catalizzando l’interesse dei valsesiani, “Un ritorno in Valsesia: il lupo di Mera al Museo Calderini”. Il 7 dicembre Paola Angeleri affronterà il tema delle nuove attribuzioni con l’incontro “Capolavori svelati: una tela di Aurelio Luini per il Sacro Monte di Varallo”.

Le collezioni

L’ultimo appuntamento per il 2018 si terrà il 14 dicembre e sarà incentrato su alcune delle opere trattate all’interno del volume “Varallo ai tempi di Gaudenzio. Itinerari”, grazie all’intervento di Donata Minonzio, consigliere della Società di Conservazione che, ha collaborato alla stesura del libro.  «Gli aperitivi” – conclude Falcone – riprenderanno nel nuovo anno, in date ancora da definirsi, e toccheranno altri aspetti importanti delle collezioni conservate all’interno di Palazzo dei musei quali quella delle maioliche, la collezione di disegni e il dipinto di Melchiorre D’Enrico raffigurante un’ “Annunciazione” recentemente riportato nel catalogo dell’artista».
Ogni incontro inizierà alle 19 e sarà composto dalla presentazione dell’argomento del giorno, della durata di mezz’ora, e dall’aperitivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente