Notizia Oggi Borgosesia > Cultura e turismo > Varallo coro Arcobaleno festeggia i 30 anni
Cultura e turismo Varallo e Alta Valsesia -

Varallo coro Arcobaleno festeggia i 30 anni

Nel finesettimana i festeggiamenti

varallo coro arcobaleno, anniversario

Varallo coro Arcobaleno in festa per l’anniversario.

Varallo coro Arcobaleno festeggia con un evento

Il coro Arcobaleno compie i suoi primi trent’anni. Un traguardo importante per la formazione musicale di bimbi, bimbe, ragazzi e ragazze legata alla parrocchia di San Gaudenzio di Varallo. Verrà festeggiato sabato 24 febbraio, a partire dalle 21 in Collegiata. Ci sarà una serata di meditazione musicale animata dal coro stesso per celebrare appunto i 30 anni di fondazione.

La storia

«La formazione musicale esisteva già dagli anni Settanta col nome di Minicoro. L’iniziativa dell’allora prevosto don Ercole Scolari volle in quegli anni formare un gruppo per l’animazione liturgica, per arricchire la catechesi e per sostenere attività solidali e caritative» spiega don Graziano Galbiati, responsabile dell’oratorio di Sottoriva e dell’attività giovanile della parrocchia di San Gaudenzio.

Dal suo esordio a oggi il coro ha visto avvicendarsi diverse generazioni di giovani varallesi. «In questa lieta occasione la Parrocchia di Varallo – prosegue don Graziano – desidera esprimere la propria riconoscenza verso tutti coloro che negli anni hanno cantato, collaborato e sostenuto il Coro Arcobaleno invitandoli alla serata del 24 febbraio in Collegiata per la serata celebrativa dei i suoi primi 30 anni. Durante la serata verranno proposti alcuni canti dal repertorio del coro e non mancherà qualche piacevole sorpresa».

Un pranzo in compagnia

I festeggiamenti proseguiranno poi nella giornata di domenica 25. In Collegiata sarà celebrata la messa di ringraziamento. Seguirà il pranzo al Centro giovanile “G. Pastore” a Sottoriva. Nel pomeriggio ci saranno giochi e attività per gli attuali componenti del coro. «Tutti sono invitati a queste celebrazioni – sottolinea il sacerdote – piene di gioia, di vita, di bimbi e, quindi, di futuro».

Scriveva don Ercole: «La gioia di cantare, nella freschezza di queste voci, sia l’augurio perché la gioia sia in tutte le nostre famiglie, nella nostra città, nel mondo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente