Notizia Oggi Borgosesia > Cultura e turismo > VIDEO: domenica la fagiolata di Sant’Anna ha festeggiato i 50 anni
Cultura e turismo Borgosesia e dintorni -

VIDEO: domenica la fagiolata di Sant’Anna ha festeggiato i 50 anni

I ricordi dei volontari che nel 1968 diedero il via all’iniziativa

Il circolo di Sant’Anna di Borgosesia ha festeggiato domenica i 50 anni di fagiolate. E a mescolare nei pentoloni c’erano ancora alcune di quelle persone che hanno messo in piedi per la prima volta l’appuntamento gastronomico nel lontano 1968. Nonostante siano trascorsi cinquant’anni, nel giorno della fagiolata sembra che tutto sia fermato all’origine: la ricetta è la stessa, medesimo il luogo dove viene distribuita, non è cambiata l’ora di accensione fuochi.

 

La fagiolata viene organizzata da sempre la mattina della prima sfilata allegorica: «Per tutti noi è una piacevole tradizione – commenta Enea Oldrati, classe 1939, che c’era al primo anno -: guai se quella mattina non ci presentiamo alle sei per accendere i fuochi. Nessuno ha mai anche solo pensato di sospendere l’iniziativa. Per Sant’Anna la fagiolata è un po’ come il Mercu Scurot: sono quegli appuntamenti che non possono essere cancellati perché fanno parte di noi, della nostra storia».

La prima fagiolata di Sant’Anna è stata organizzata quasi per caso: «Volevamo fare qualcosa per far vivere il nostro rione – prosegue Oldrati -, proprio come si faceva e si fa ancora a Sassola. Là veniva preparata la fagiolata nel giorno del Mercu Scurot, così ci è venuto in mente di cucinarla e distribuirla all’inizio del carnevale cittadino, il giorno della prima sfilata. Detto e fatto: armati di tre pentoloni, uno per i fagioli, uno per i salamini e uno per il brodo, abbiamo acceso i fuochi. Ed è andata bene, altrimenti non saremmo ancora qui mezzo secolo dopo».

Il giorno della fagiolata si è dovuto spesso fare i conti con gli eventi atmosferici: «Un anno al risveglio abbiamo trovato cinquanta centimetri di neve – dice Ugo Frassinesi -: ovviamente abbiamo creduto di dover sospendere tutto. Ma non potevamo permettere di interrompere la tradizione: abbiamo spalato anche con le mani pur di liberare dalla neve l’area dei fuochi. E ci siamo riusciti: a mezzogiorno la fagiolata era pronta». Saranno dunque le stesse persone, con lo stesso spirito ed entusiasmo, a preparare la cinquantesima fagiolata di Sant’Anna: l’appuntamento sarà per domenica 12 febbraio al parco Regis.

Articolo precedente
Articolo precedente