Notizia Oggi Borgosesia > Economia e scuola > Cravagliana difende la scuola primaria
Economia e scuola Varallo e Alta Valsesia -

Cravagliana difende la scuola primaria

L’amministrazione comunale ha chiesto alla Regione di confermare l’apertura in deroga anche per il prossimo anno

Cravagliana difende la scuola scrivendo alla Regione di mantenere il servizio attivo anche per il prossimo anno scolastico. Il bacino d’utenza del plesso è costituito dai Comuni della Val Mastallone, nonché da alcune frazioni del limitrofo Comune di Varallo

Cravagliana difende la sua scuola

A Cravagliana resiste la scuola primaria e l’amministrazione comunale scrive in Regione per mantenere il servizio attivo anche per il prossimo anno scolastico. La Regione Piemonte nella propria azione programmazione ha formulato i criteri per il dimensionamento scolastico nell’ottica di privilegiare la stabilità del sistema. L’amministrazione ha chiesto di confermare l’apertura in deroga; sono poco più di una decina gli alunni che frequentano la scuola di Cravagliana ma tutti provenienti da paesi diversi della vallata. Il bacino d’utenza del plesso è costituito dai Comuni della Val Mastallone (Cravagliana, Fobello, Cervatto, Rimella), nonché da alcune frazioni del limitrofo Comune di Varallo (quali Cervarolo , Pianebelle e Sabbia). Non va infatti dimenticato che il servizio scuolabus per la primaria di Cravagliana parte proprio da Varallo e copre tutti i paesi interessati. Intanto la giunta del sindaco Monica Leone ha approvato una delibera nella quale si ribadisce l’importanza della scuola a Cravagliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente