Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Cellio Breia verso il voto: Valmacco si tira fuori
Politica Borgosesia e dintorni -

Cellio Breia verso il voto: Valmacco si tira fuori

Le elezioni si terranno a giugno

cellio e breia

Cellio Breia verso il voto: appuntamento per 10 giugno.

Cellio Breia verso le elezioni

Cellio con Breia si appresta a eleggere il primo sindaco. Gli elettori del nuovo Comune saranno chiamati al voto domenica 10 giugno. Ancora troppo presto per conoscere con certezza quanti e quali saranno i candidati, tuttavia in paese voci e previsioni stanno già circolando, fra chi ipotizza la partecipazione di personaggi nuovi alla vita amministrativa locale e chi assicura la presenza di esponenti in continuità alle ultime giunte. C’è ancora diverso tempo per la presentazione delle liste da sottoporre ai circa 850 elettori di Cellio con Breia, ma riunioni e confronti sono già iniziati.

L’ex sindaco

E se mancano le notizie sicure sui potenziali candidati, l’unica certezza arriva dall’ex sindaco di Cellio, Martino Valmacco, che ha deciso di non essere della partita, almeno per l’incarico principale: «Non mi candido per sindaco – conferma colui che ha amministrato il Comune dal 2013 sino alla fusione con Breia -, al limite potrei presenziare all’interno di qualche gruppo». La decisione nasce da motivi personali, legati alla professione di farmacista che Valmacco svolge proprio a Cellio: «Per cinque anni ho ricoperto l’incarico di sindaco – spiega -, ne vado orgoglioso perchè mi ha dato molte soddisfazioni a livello personale e anche l’opportunità di conoscere tante persone che diversamente non avrei mai incontrato. Mi sono anche reso conto che spesso a causa del mio lavoro, che mi impegna praticamente tutto il giorno, ho dovuto rinunciare ad alcuni impegni amministrativi del Comune. Spesso mi sono trovato nella condizione di dover decidere fra la presenza in farmacia o in municipio: fare bene due cose diventava molto difficile».

Una scelta

Per Valmacco è giunto il momento di scegliere, e ha deciso di non presentarsi all’ormai imminente consultazione elettorale, almeno per quanto riguarda il ruolo principale: «Mi spiace non ricandidarmi soprattutto per quei cittadini che cinque anni fa avevano creduto in me e mi avevano votato – prosegue -. Nelle ultime settimane sono stati in diversi che hanno cercato di convincermi a candidarmi. Essere stato sindaco a Cellio è stato un impegno che avevo voluto prendere e che ho sempre cercato di portare avanti con la massima serietà, ma credo ora sia arrivato il momento di passare il testimone perchè, anche per la nascita del nuovo Comune, gli impegni certamente aumenteranno».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente