Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Elezioni Valsessera: mai così poche liste
Politica Sessera, Trivero, Mosso -

Elezioni Valsessera: mai così poche liste

Una tornata elettorale che non si era mai vista: in cinque comuni su sei l’unica scelta sarà se andare a votare o no.

Elezioni Valsessera: mai così poche liste.  Soltanto a Pray sarà sfida a due, in tutti gli altri Comuni chiamati al voto i candidati correranno da soli. Capita a Caprile, Guardabosone, Sostegno, Portula e Crevacuore.

 Elezioni Valsessera: mai così poche liste

A Caprile volto nuovo come candidato sindaco con Stefano Ferrian, giovane musicista di 35 anni candidato sindaco. In lista anche il primo cittadino uscente Massimo Paganini che ha concluso i tre mandati di fila. E’ donna l’unica candidata di Guardabosone in continuazione con la lista dell’ex sindaco Claudio Zaninetti che però non si è presentato. Si tratta di Nicole Bosco, già presidente della Soms. Al suo fianco un gruppo di giovani per il rinnovamento. A sorpresa c’è una sola lista anche a Portula con il sindaco uscente Fabrizio Calcia Ros che punta su una squadra rinnovata. L’ex minoranza ha deciso di non proseguire l’attività amministrativa.  Correrà da solo anche Giuseppe Framorando a Sostegno. Dopo le dimissioni dell’ex minoranza nessuno ha portato avanti il progetto. Sorprende il caso di Crevacuore dove cinque anni fa c’erano ben cinque liste e oggi si presenta solo l’amministrazione uscente che candida Ermanno Raffo. All’ultimo è tramontata la lista anche dell’unica minoranza che era rimasta in consiglio con Francesco Giuliano. «Ci siamo confrontati come gruppo e abbiamo capito che abbiamo impegni di lavoro importanti da portare avanti – spiega – Non saremmo riusciti a garantire un operato come avremmo voluto. La lista unica? Crevacuore valuterà l’operato dell’attuale amministrazione». Occhi puntati dunque su Pray dove Gian Matteo Passuello affronterà lo sfidante Gian Eugenio Ferla, avvocato con studio a Borgosesia e Biella. Al suo fianco un gruppo di giovani. «Ho voluto dare la possibilità a validi giovani del paese di affrontare questa avventura», spiega.

Foto d’archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente