Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Ghemme beffata, dal Ministero neanche un euro
Politica Novarese -

Ghemme beffata, dal Ministero neanche un euro

Il Comune aveva chiesto 2,3 milioni per la messa in sicurezza di scuole, strade e caserma

ghemme centro estivo

Ghemme beffata, come tanti altri Comuni. L’amministrazione Temporelli recentemente aveva chiesto 2,3 milioni al Ministero per la messa in sicurezza di scuole e strade, ma Roma ha risposto picche.

Ghemme beffata,  niente soldi per il piano triennale

Resteranno per il momento un sogno i soldi da investire in sicurezza, che Ghemme sperava di ottenere dal Ministero grazie alla legge 27 dicembre 2017. Nella graduatoria pubblicata recentemente la città del vino risulta esclusa per “acquisizione parziale della documentazione”. Una motivazione che ha riguardato un sacco di altre amministrazione (in alcuni casi si potrebbe essere trattato di un problema legato al software utilizzato). La giunta della città del vino per partecipare al bando aveva approvato appositamente un piano triennale delle opere pubbliche.  Al suo interno anche la stima dei costi degli interventi: 980mila euro per la messa in sicurezza delle scuole elementari e delle medie, 500mila per la sistemazione idrogeologica, 530 mila per la viabilità e 310mila per la caserma dei carabinieri. La legge del 2017 prevede l’assegnazione ai Comuni di 150 milioni per il 2018, di 300 milioni per il 2019 e di 400 milioni per il 2020. Nulla vieta dunque a Ghemme di riprovarci il prossimo anno.

Quest’anno il parcheggio delle scuole

Nel programma delle opere pubbliche restano confermati invece i 100mila euro, che sono stati reperiti nel bilancio comunale, per opere di manutenzione e completamento su aree e viabilità comunale: si tratta della pavimentazione di piazza Antonelli e del parcheggio per le scuole in via Rosmini. Il piano triennale prevede l’inizio dei lavori nel terzo trimestre di quest’anno e la loro ultimazione entro la fine del 2018. Tutto però è legato all’inizio dei lavori per la realizzazione della nuova area ecologica da parte del consorzio rifiuti Medio Novarese, che sorgerà nell’area del magazzino comunale in strada vicinale Croce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente