Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Incendio già dimenticato? Serravalle interroga
Politica Serravalle e Grignasco -

Incendio già dimenticato? Serravalle interroga

Il gruppo consiliare "Eccoci!" chiede di conoscere la situazione attuale e le misure da intraprendere per scongiurare eventi analoghi.

incendio già dimenticato

Incendio già dimenticato? A Serravalle, il gruppo consiliare “Eccoci!” chiede quali siano la situazione attuale e le azioni da intraprendere.

Incendio già dimenticato?

A distanza da circa tre mesi dall’enorme rogo che, a fine marzo, ha devastato le montagne nella zona di Serravalle, Lara Sauer e Marilena Carmellino del gruppo consiliare “Eccoci!” interrogano il sindaco in materia. Visto il grande rogo scoppiato a fine aprile in paese, il gruppo di opposizione ha presentato un’interrogazione al sindaco e all’amministrazione comunale per conoscere la situazione attuale della zona colpita e i relativi interventi previsti.

“Degrado e abbandono”

«Vista l’incresciosa e pericolosa situazione venutasi a creare in seguito all’incendio nato e sviluppatosi recentemente sul nostro territorio – scrive il gruppo -, vista la palese situazione di degrado e abbandono riscontrata e riguardante tagliafuochi, sentieri e sottobosco, visto il silenzio attuale calato sulla vicenda e l’assenza in tal senso di qualsivoglia indicazioni circa le misure che andranno prese, gli interventi che eventualmente si renderanno necessari o più nel dettaglio, la programmazione di manutenzioni specifiche e cadenzate nel tempo», il gruppo di minoranza “Eccoci!” interroga l’amministrazione.

Manutenzione e prevenzione

I consiglieri chiedono «quali sono le valutazioni che state facendo riguardo a quanto accaduto, quali le verifiche sul territorio? Esiste o verrà messo a punto un programma di manutenzione periodica, pulizia e controllo delle zone boschive prevedendo interventi cadenzati nel tempo? Quali saranno i mezzi, gli strumenti, che consentiranno ai cittadini di essere informati e consapevoli di quanto si sta facendo in merito sul territorio? In quali modi, il singolo cittadino, potrà collaborare per quanto di sua competenza e pertinenza? A norma di regolamento si richiede risposta scritta e successiva risposta orale nel prossimo consiglio comunale».

Un Commento

  • alessandro belviso ha detto:

    ho camminato molte volte da vari anni in tutti i sentieri della zona e non erano nello stato che descrivete. foglie secche tante (mio ultimo giro prima: metà marzo) ma non pioveva da un mese e mezzo oltre il caldo. volete spianare, tagliare, aprire altre strade in un’area ancora naturale e rara? quelle esistenti non hanno fermato il grande incendio come ho visto a metà aprile, certo creare spazi liberi da materiale secco in certi periodi è giusto ma una vastità simile non può che essere stata intenzionale e per questo la forma di prevenzione è la repressione del pazzo o interessato. Piuttosto perchè solo 1 aereo e non di notte tutto lì per una regione come il piemonte? magari monitoraggio coi droni durante la siccità per intervenire subito al rilievo di fumo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente