Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Riva Valdobbia frazione di Alagna: il consiglio si spacca
Politica Varallo e Alta Valsesia -

Riva Valdobbia frazione di Alagna: il consiglio si spacca

La proposta arriva dalle minoranze

Riva Valdobbia frazione di Alagna: il consiglio si spacca in due sull’eventualità dell’incorporazione

Riva Valdobbia frazione di Alagna. La proposta delle minoranze

Riva Valdobbia insieme ad Alagna in un unico Comune? La proposta portata in consiglio a Riva dalla minoranza è passata anche se non con tutti i voti a favore. Ora toccherà ad Alagna vedere se ci sono le condizioni per realizzarla. Ma l’obiettivo non è quello di fare un nuovo ente, semplicemente annettere Riva Valdobbia ad Alagna Valsesia.

Consiglio diviso a Riva

Sei i voti contrari, quattro quelli favorevoli e un’astensione, in consiglio a Riva. A lanciare l’idea sono stati i rappresentanti delle minoranze Paola Lanzoni, Elena Ronco e Marco Deblasi. Il sindaco Alberto Giacomino, il vice Angelo Dago e Maurizio Andoli insieme al consigliere Massimo Narchialli hanno detto no. A favore hanno votato Roberta Zanin, Stefano Barbero e Filiberto Vaira della maggioranza, astenuto Michele Ferla.

Il motivo del Comune unico: l’interdipendenza fra Alagna e Riva

Le due liste di minoranza già nel proprio programma elettorale avevano sostenuto la fusione. «Abbiamo avuto l’impressione che i tempi fossero maturi – spiega Paola Lanzoni -. Ci saremmo augurati maggior favore della amministrazione perché a noi sembrava il caso di ampliare il dialogo su questo tema. Alla fine il consiglio ha deliberato di sottoporre alla popolazione una ipotesi di fusione». E i motivi di questa scelta sono semplici: Riva Valdobbia e Alagna sono interdipendenti. In una prospettiva di medio-lungo periodo, ci sembra giusto sentire la popolazione».

Ora tocca ad Alagna esprimersi

Ora tocca ad Alagna esprimersi. Se dovesse arrivare il via libera per incorporazione i due enti potranno scegliere una data in cui indire il referendum: 430 votanti di Alagna e 290 di Riva. Come accennato, sarà comunque una fusione per incorporazione e non sarà creato un Comune unico. «Crediamo che Alagna abbia un nome più spendibile a livello turistico – sostiene Lanzoni -. E’ un paese conosciuto a livello turistico internazionale, sarebbe stato inutile creare un nuovo nome. Non per questo non è escluso che il nome di Riva Valdobbia scompaia del tutto. Il nome di Alagna è importante e noto, bisogna tutelare anche il valore commerciale. Abbiamo proposto il metodo dell’incorporazione in quanto è più veloce».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente