Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Sabbia chiede rappresentanti veri in consiglio a Varallo
Politica Varallo e Alta Valsesia -

Sabbia chiede rappresentanti veri in consiglio a Varallo

Un documento con 64 firme rivendica l'elezione delle persone che saranno i portavoce della frazione in consiglio

Sabbia chiede rappresentanti propri a Varallo: una petizione con 64 firme punta a eleggere rappresentanti voptati dal paese in consiglio comunale

Sabbia chiede rappresentanti in consiglio comunale di Varallo

L’ex sindaco di Sabbia Carlo Stragiotti si è fatto da parte e non ha voluto accettare la carica di pro sindaco dopo la sconfitta al referendum per la fusione. Ma adesso da Sabbia arriva una richiesta: essere rappresentati in consiglio comunale a Varallo con persone scelte dalla frazione. Una petizione con 64 firme  che è stata fatta mettere agli atti dal gruppo di opposizione ViviAmoVarallo nel corso della riunione di consiglio di giovedì. Si tratta in parte residenti, in parti proprietari di terreni.

La nuova frazione nello statuto

Il consiglio doveva appunto approvare il nuovo statuto che tiene conto della nuova frazione, Sabbia appunto. Come si ricorderà, dall’inizio dell’anno il Comune ha cessato di esistere ed è stato incorporato a Varallo nonostante il voto contrario della maggior parte dei residenti. Proprio questo voto contrario aveva indotto il sindaco Carlo Stragiotti a rinunciare alla prevista carica di pro sindaco. Questo perché non riteneva di rappresentare più la maggioranza dei suoi elettori. Adesso si tratta quindi di vedere chi sarà il rappresentane di Sabbia in consiglio a Varallo: per questo è stata sottoscritta la petizione: i residenti vogliono eleggersi da soli il proprio portavoce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente