Notizia Oggi Borgosesia > Senza categoria > Cantieri in alta quota: si sta realizzando la nuova seggiovia ai Salati
Senza categoria Varallo e Alta Valsesia -

Cantieri in alta quota: si sta realizzando la nuova seggiovia ai Salati

Alagna punta ad aprire prima dell’inverno

E’ partita la campagna pubblicitaria per la nuova seggiovia Cimalegna-Passo Salati. “Alagna 3030” è il cartellone che accoglie i turisti già a Riva Valdobbia sulla strada provinciale. Il progetto di Monterosa Ski e Freeride Paradise punta a debuttare a dicembre. I lavori sono partiti a inizio luglio e l’impresa è stata impegnata per tutta l’estate nel cantiere, qualche intoppo per il tempo c’è stato come la neve scesa la scorsa settimana ma si punta a finire per tempo. L’obiettivo? Unaseggiovia a quattro posti con partenza da Cimalegna a 2654 metri e arrivo al Passo dei Salati a 3030 metri. Altri numeri? Avrà una portata di 1600 persone all’ora, un costo di 6.838.215 euro e l’apertura è prevista per dicembre 2017.

“Alagna 3030. Sempre più in alto, sempre più veloce” è la nuova campagna Monterosa Ski firmata Vecchi&Besso. Alagna arriva a toccare il cielo con un dito. L’immagine di uno sciatore esperto, in cui si riflette l’imminente nuova seggiovia di Alagna che collegherà Cimalegna con il Passo dei Salati. Appena archiviata una estate che ha portato migliaia di turisti sul monte Rosa, ora si pensa già all’inverno. Come testimoniato dalle foto scattate e caricate sul profilo Facebook dell’Alpe Seiwji l’impresa durante l’estate ha lavorato sodo per rispettare i termini di consegna. Il consiglio di amministrazione di Monterosa 2000 ha lavorato senza sosta per poter dare il via all’operazione andando a trovare i fondi necessari e presentando un progetto condiviso dalle amministrazioni di Alagna e Riva Valdobbia. Il progetto per la realizzazione della nuova seggiovia quadriposto che collegherà Cimalegna all’area appena al di sopra del Passo dei Salati è stato sottoposto ad un attento “Procedimento integrato di valutazione ambientale” e giudicato coerente con le misure di conservazione specifiche per il sito.

Come sottolineato nella relazione presentata da Monterosa 2000: «Gli afflussi degli sciatori non risultato attualmente del tutto gestibili dagli impianti e in particolar modo dal Funifor Alpe Pianalunga-Cimalegna-Passo deiSalati. L’impianto presenta una portata di 800 persone all’ora che si dimezza nel momento in cui viene utilizzata la stazione intermedia di Cimalegna». La soluzione è stata trovata e permetterà a Monterosa 2000 di competere con le altre grandi realtà sciistiche.

Articolo precedente
Articolo precedente