Notizia Oggi Borgosesia > Senza categoria > Movimento 5 Stelle: Biella e Vercelli svendono Atap, una azienda sana
Senza categoria Borgosesia e dintorni -

Movimento 5 Stelle: Biella e Vercelli svendono Atap, una azienda sana

Il consigliere Gianpaolo Andrissi prende posizione sulla vendita delle azioni di Atap

Sulla decisione di vendere Atap ai privati il Movimento 5 Stelle non ci sta e interviene con una lettera del consigliere regionale Gianpaolo Andrissi:

«Per far quadrare i bilanci delle Province di Biella e Vercelli i politici di centrodestra e del Pd, tutti insieme appassionatamente, vogliono vendere Atap azienda sana che dà lavoro a 220 persone. aprendo preoccupanti scenari sulle prospettive del trasporto pubblico del vercellese.  Si mette così a rischio il posto di lavoro di circa 220 dipendenti, anche in considerazione del mancato inserimento da parte della Provincia di Vercelli di una clausola sociale nel bando di gara, come ormai previsto sui nuovi bandi. Nel frattempo però abbiamo appreso che le aziende aggiudicatarie del servizio extraurbano, incontrando AMP (Agenzia Mobilità Piemonte), avrebbero garantito l’assorbimento degli esuberi Atap mantenendo le medesime condizioni contrattuali. Vigileremo con attenzione che a queste promesse seguano azioni coerenti. La vendita della azioni stabilita da centrosinistra e centrodestra disperde inoltre un patrimonio in termini di mezzi ed esperienza accumulati nel tempo da ATAP società che, essendo interamente pubblica, è patrimonio dei cittadini biellesi e vercellesi. A questo proposito molti dubbi lascia anche la decisione di vendere, o meglio svendere, le quote di Atap, proprio adesso che il suo valore è sicuramente ridotto in conseguenza della perdita della gara.  Si può provare a giustificare quest’operazione con i cambiamenti di regole sulle partecipate, come fanno alcuni rappresentati della politica locale, ma di fatto quella che era un’azienda sana oggi si trova ad essere “svuotata” e venduta per poco, con una situazione di grande incertezza industriale, a discapito come sempre dei lavoratori e dei cittadini delle amministrazioni che ne detengono le quote»

Articolo precedente
Articolo precedente