Notizia Oggi Borgosesia > Senza categoria > Presentato il nuovo cd degli ”Alpin dal Rosa”
Senza categoria Borgosesia e dintorni -

Presentato il nuovo cd degli ”Alpin dal Rosa”

Il lavoro illustrato in anteprima sabato sera nella chiesa parrocchiale di Borgosesia 

Un nuovo cd per il coro “Alpin dal Rosa”. L’opera musicale, dal titolo “Ciao alpino”, è stata presentata sabato sera durante il concerto del gruppo in chiesa parrocchiale a Borgosesia. Un nuovo traguardo per il coro delle penne nere della Valsesiana: «Il cd è frutto di lavoro e di ore trascorse a provare, e racchiude tutta la volontà, la fatica, la pazienza di tutti noi coristi che proveniamo da diciotto paesi di Valsesia e Valsessera. Nato per conservare e divulgare la cultura alpina, il nostro è un coro che interpreta i pezzi con lo stesso spirito dei canti delle trincee, si esprime con i toni e la forza tralasciando i perfezionismi che altri cori interpretano, ma rimanendo fedeli alle proprie origini e intenti». 

Un altro aspetto che contraddistingue il coro, voluto particolarmente dal maestro Romano Beggino, sono i canti religiosi interpretati durante le cerimonie. Accanto vi sono pezzi dedicati alla Valsesia, alcuni accompagnati da parti di testo in dialetto (ad esempio il brano che dà il titolo il cd o uno composto da Mino Bordignon durante la prigionia) scritti dal corista Marco Tosi.

I quattordici brani contenuti nel cd sono stati presentati sabato in anteprima. Diretti dal maestro Beggino coadiuvato dal maestro Ivan Cantarutti, i coristi hanno aperto concerto con “Trentatre”, “Monte Cauriol”, “Nella Somalia bella” e “Monte Canino”. Le esecuzioni sono state intervallate da brani affidati alla voce della cantante Edoarda e dall’incontro con Marta Concina, figlia del maestro Carletto, autore di canzoni degli anni Cinquanta. A chiudere il concerto gli “Alpin dal Rosa” hanno eseguito “Ciao alpino”, traccia (scritta da Beggino) che dà il titolo al nuovo lavoro del coro. Un titolo che vuol essere un saluto ma soprattutto un ricordo degli amici alpini “andati avanti” e in particolare degli alpini coristi che oggi cantano nel coro di Cantore.

Articolo precedente
Articolo precedente