Notizia Oggi Borgosesia > Sport > Ghemme pallacanestro rinasce e riparte dalla Promozione
Sport Novarese -

Ghemme pallacanestro rinasce e riparte dalla Promozione

Dopo le vicissitudini di quest'estate

Ghemme pallacanestro rinasce. L’idea di non lasciar morire la squadra è nata nella testa del capitano Matteo Canova, unico ghemmese doc nel roster gialloverde, e del direttore sportivo ed ex giocatore Matteo Sebastiani.

Ghemme pallacanestro rinasce, perché il paese non può restare senza basket

Ghemme non può stare senza basket. Un gruppo di appassionati ha deciso di iscrivere una squadra al campionato di Promozione, perché l’importante è non lasciare vuoto il “pala Ponti”. L’idea di non lasciar morire la pallacanestro è nata nella testa del capitano Matteo Canova, unico ghemmese doc nel roster gialloverde, e del direttore sportivo ed ex giocatore Matteo Sebastiani. Loro due sono stati gli artefici principali della rinascita, in cui è coinvolto un altro grande ex del passato: Bruno Bini. La guardia di Omegna che aveva fatto innamorare i tifosi della città del vino ai tempi della serie C nazionale sarà infatti tra i giocatori della nuova squadra, nonostante l’età. E con lui dovrebbe esserci anche Claudio Sacco, uno degli artefici della recente promozione in C Gold. «Siamo ben consci del diverso livello tecnico – commenta Canova – , ma questo non cambierà nulla nel nostro atteggiamento in campo e in quella che è la nostra passione». Il roster è ancora in fase di costruzione, ma sicuramente ne faranno parte, oltre a Canova e Sebastiani, capitan Roberto Migliorini, Bruno Bini, Andrea Campari, Marco Manniello, Luca Trevisan, Alberto Martinoli, Antonio D’Angella, Cristian Costa, Youssu Pouye, Luca Salvalaggio e Claudio Rossetti. Anche Claudio Sacco, rimasto legato all’ambiente ghemmese, compatibilmente con i suoi impegni ha confermato la sua presenza. La gestione tecnico-sportiva è stata affidata invece a Maurizio Migliorini.

nella foto, la squadra ghemmese 2017/18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente