Notizia Oggi Borgosesia > Sport > Il Ronde Gomitolo di lana a Pinzano
Sport Borgosesia e dintorni -

Il Ronde Gomitolo di lana a Pinzano

Determinante la prova di Curino per vincere su Bergo il Ronde Gomitolo di lana

Una cosa è certa: Corrado Pinzano non se la scorderà così facilmente questa 7ª edizione della Ronde Gomitolo di Lana. La vittoria è finalmente diventata realtà per il pilota locale, che sulle strade di casa ha conseguito una storica affermazione. Gara thriller, decisa soltanto sulla prova conclusiva. Già, perché dopo tre speciali, i primi quattro della classifica erano racchiusi in poco più cinque secondi, a causa di una penalità rimediata dal pilota di Borriana e dal rivale Omar Bergo.

Si è quindi dovuto attendere il passaggio finale sulla Curino, dove Pinzano ha dimostrato di avere sangue freddo per strappare il riferimento in 6’38”3. È proprio in quel momento che la corsa ha preso la direzione dall’alfiere Biella Corse, trionfatore al volante della Ford Fiesta WRC con al fianco Marco Zegna.

Alle sue spalle Ilario Bondioni ed Elia Ungaro, protagonisti con la Skoda Fabia R5, staccati di 9”9 dal vincitore. Il pilota bresciano ottiene però il successo nella classifica riservata alla Lombardia Ronde Cup, presentandosi all’appuntamento conclusivo del Selvino guardando tutti dall’altro.

Sul podio di Biella ci sono anche Elia Bossalini e Sara Gerevini, protagonisti con la Ford Fiesta R5 di un entusiasmante testa a testa per la seconda piazza. Soltanto 4”5 li separano da Bondioni. I due si ritroveranno al Selvino per giocarsi il Lombardia Ronde Cup dove è ancora in gioco anche Kevin Gilardoni.

Resta giù dal podio invece Omar Bergo. Il biellese partiva davanti al proprio pubblico con i favori del pronostico, ma un ritardo al controllo orario dell’ultima speciale lo ha fatto precipitare al quarto posto. L’amarezza è grande per l’idolo locale, ma ci riproverà il prossimo anno.

Nella top five c’è anche spazio per la Ford Focus di Pettenuzzo-Tirone (+32”9), i quali precedono la Fiesta dello svizzero Michael Burri e quella del novarese Simone Fornara. Alle spalle del driver di Borgomanero si inserisce Claudio Conforto, protagonista nella S2000 con la Skoda Fabia. Nona piazza invece per Gianluca Acerbis davanti a Graziano Boetto, secondo di S2000.

Manca la top ten per pochi secondi Davide Negri, costretto ad accontentarsi del dodicesimo posto alle spalle di Maurilio Veronese, mentre tredicesimo Daniele Bestetti. Un grande ritorno sulla Clio Williams per quest’ultimo vincitore in A7 e primo delle “2 Ruote Motrici”. La classe A6 va a Desirò-Bottega, la A5 a Candidi-Metaldi e la QA0 a Travaglia-Galli. Con un’eccellente prestazione Matteo Marignan e Daniela Mazzetti vincono il gruppo N con la loro piccola Peugeot 106 Rally di N2. La N3 va a Menaldo-Boscolo, la N4 a Sangermani-Pisati e la N1 a Nocera-Bianco. Bondioni si aggiudica il gruppo R e la classe R5, Frattini la R4; Cattaneo la R3T, Pogna la R3C e Vineis la R2B In S1600 vittoria di Vanni Maran.

Classifica finale: 1- Pinzano (Ford Fiesta) in 26’24”9; 2- Bondioni (Skoda Fabia) a 9”9; 3- Bossalini (Ford Fiesta) a 14”4; 4- Bergo (Ford Focus) a 29”7; 5- Pettenuzzo (Ford Focus) a 32”9; 6- Burri (Ford Fiesta) a 49”2 ; 7- Fornara (Ford Fiesta) a 52”7; 8- Conforto (Skoda Fabia) a 1’22”5; 9- Acerbis (Ford Fiesta) a 1’33”8; 10 Boetto (Peugeot 207) a 1’37”0.

Articolo precedente
Articolo precedente