Notizia Oggi Borgosesia > Sport > Moreno Boi al Borgosesia dopo 13 anni a Valduggia
Sport Borgosesia e dintorni -

Moreno Boi al Borgosesia dopo 13 anni a Valduggia

Nella società granata seguirà soprattutto le squadre giovanili

Moreno Boi avrà il ruolo di coordinatore dell’area tecnica, sarà figura di unione tra Allievi, Juniores e prima squadra, e svolgerà attività di scouting

Moreno Boi entra nel Borgosesia calcio

E’ stato uno degli artefici del “miracolo Valduggia”. E dopo aver portato la squadra del suo paese dalla Terza categoria alla Promozione nel giro di pochi anni, ora la “promozione” è arrivata per lui. Moreno Boi, infatti, entra nello staff dirigenziale del Borgosesia calcio: avrà il ruolo di coordinatore dell’area tecnica come figura di riferimento e unione tra la categoria Allievi (2002, 2003), Juniores e prima squadra. Inoltre svolgerà anche l’attività di scouting, analizzando giocatori e partite. Quello che sta nascendo, insomma, sarà un Borgosesia un po’ più valsesiano. «Sono felicissimo per questa chiamata – ammette il diretto interessato – e ringrazio la società, e in primis il presidente Michele Pizzi, per avermi proposto questo incarico. Ci metterò impegno ed entusiasmo, sicuramente per me è una grande opportunità e significa che finora ho lavorato bene».

Seguirà soprattutto le squadre giovanili

Nella società granata Boi seguirà soprattutto le squadre giovanili: «Sarò agli allenamenti e se sarà il caso segnalerò qualche ragazzo alla prima squadra. Il tutto in stretta collaborazione con il direttore sportivo Mauro Turino e con gli allenatori Marco Didu, Francesco Alberti e Christian Valenti». In attesa di iniziare la nuova avventura, non può mancare un pensiero per il Valduggia: «Ci sono stato per 13 anni – conclude Boi – e lascio lì un pezzo di cuore. Ringrazio la società, gli allenatori e i giocatori, perché è anche grazie a loro se sono riuscito a fare questo salto. Ammetto che c’è un po’ di dispiacere ad abbandonare Valduggia. Ma certe opportunità passano una volta sola ed è giusto coglierle».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente