Notizia Oggi Borgosesia > Sport > Oggi il Borgo gioca a Carate e spera nel miracolo
Sport Borgosesia e dintorni -

Oggi il Borgo gioca a Carate e spera nel miracolo

Dopo l’incredibile pareggio subito al 93’ contro il Cuneo, i valsesiani devono vincere e tifare per un passo falso della capolista

Per il Borgo c’è ancora speranza. A 90 minuti dalla fine di uno dei più bei campionati di serie D degli ultimi anni, la squadra si gioca le ultime, flebili, speranze di promozione. Dopo l’incredibile pareggio subito al 93’ contro il Cuneo, oggi i valsesani dovranno vincere a Carate e sperare in un passo falso della capolista. Dando per scontato il successo contro l’ormai tranquilla Folgore (ma nel calcio non si sa mai…), la squadra di Alessio Dionisi farà il tifo per il Bra, che sarà di scena al Paschiero di Cuneo. Con un pareggio nel derby della “provincia granda” granata e biancorossi si ritroverebbero appaiati al primo posto e si giocherebbero la Lega Pro allo spareggio, mentre in caso di successo del Bra, il Borgo vincerebbe il campionato con un punto di vantaggio.

Ipotesi magari fantascientifiche, ma intanto la squadra in settimana ha lavorato a testa bassa per farsi trovare pronta all’ultimo appuntamento stagionale. «Noi dobbiamo pensare esclusivamente di andare a vincere a Carate – dichiara il ds Simone Di Battista – , ma certamente fino all’ultimo minuto abbiamo l’obbligo di credere di poter ancora vincere il campionato. Nel calcio può succedere di tutto, quello tra Cuneo e Bra è un derby e sono certo che gli ospiti onoreranno al meglio l’impegno. Detto questo le motivazioni della squadra di Jacolino sono certamente più alte e onestamente la vedo super favorita».

Per la sfida alla Folgore Caratese di oggi pomeriggio (fischio d’inizio alle 15) mister Dionisi ha il dubbio Canessa. Il giocatore è uscito anzitempo contro il Cuneo e se non dovesse farcela potrebbe essere sostituito da Clausi. «Chiaramente tra i ragazzi – conclude Di Battista – c’è grande delusione per come è finita la gara contro il Cuneo. A un minuto dalla fine eravamo in testa al campionato e questo non può non lasciare del rammarico».

Articolo precedente
Articolo precedente