Notizia Oggi Borgosesia > Sport > Trivero, torna grande il vivaio della Stella Alpina
Sport Borgosesia e dintorni -

Trivero, torna grande il vivaio della Stella Alpina

Si cercano allenatori 

Nuova linfa vitale per la Stella Alpina di Trivero: cresce il numero di bambini e si cercano allenatori. La formazione di riferimento è quella costituita dai ragazzi dell’annata 2005 che quest’anno affrontano il campionato Esordienti primo anno, ma la Stella Alpina può contare anche su Pulcini e Primi calci. Un quadro che da parecchio tempo non si vedeva. «E’ vero, è da un po’ che non capitava avere così tanti ragazzi – conferma Andrea Braga, allenatore della formazione Esordienti -. Lavorando insieme siamo riusciti a riportare i bambini sul campo di calcio di Ponzone e al palazzetto».

E dire che appena un paio di anni fa le formazioni giovanili erano ridotte al lumicino. «Ma ci abbiamo creduto e siamo andati avanti, nonostante all’inizio i numeri fossero molto risicati – riprende Braga -. Abbiamo trovato poi sulla nostra strada anche aiuti importanti che ci hanno permesso di dare un giusto equipaggiamento ai ragazzi».
Il riferimento è a Emilio Giletti, storico industriale di Ponzone, che è tor

nato come sponsor a essere vicino alla formazione di calcio. Il progetto ha avuto uno slancio con i genitori dei ragazzi dell’annata 2005-2006, un gruppo che ha iniziato il proprio percorso nel mondo del calcio partendo dalla categoria Piccoli amici per poi affrontare unito e compatto i tre anni di Pulcini e continuare quest’anno negli Esordienti, un torneo nuovo dove si sono aggregati nuovi compagni di viaggio. In questo lasso di tempo ragazzi e genitori hanno saputo conoscersi e fare squadra insieme per rilanciare le sorti della società di calcio.

La passione poi ha contagiato anche i più grandi: da quest’anno c’è infatti anche una squadra che partecipa al campionato amatoriale del Csen Biella. Ora si guarda al futuro. «Per l’anno prossimo pensiamo di poter avere ancora più squadre – riprende Braga -. Sicuramente i Piccoli amici, poi Pulcini, due di Esordienti e magari qualche squadra più grande».

I bambini non mancano, ma servono allenatori. «Facciamo fatica a trovarne – spiega -. Cosa chiediamo? Soprattutto passione. Siamo alla ricerca di persone competenti e desiderose di aiutare i nostri ragazzi a crescere dal punto di vista umano e sportivo. Come detto per la prossima stagione abbiamo ottime prospettive, speriamo di poter coinvolgere altri bambini e ragazzi per aumentare il numero delle squadre che parteciperanno ai campionati».

Articolo precedente
Articolo precedente