Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Borgosesia, Mary Grandis ha festeggiato 103 anni
Attualità Borgosesia e dintorni -

Borgosesia, Mary Grandis ha festeggiato 103 anni

Nata in Svizzera, la donna vive a Calco di Agnona da quando era bambina

Periodo di compleanni ultracentenari a Borgosesia. Martedì ha festeggiato le 103 primavere Mary Grandis residente a Calco di Agnona. Pochi giorni prima, esattamente giovedì scorso, aveva spento simbolicamente 105 candeline Luigina Ceruti di Foresto. Insomma nel giro di una settimana due donne borgosesiane hanno festeggiato 208 anni. A differenza degli scorsi anni, quando per i compleanni centenari di Mary Grandis erano state organizzate vere e proprie feste con amici, alpini, assessori, sindaco e il parroco don Giovanni Bossi, questa volta i parenti più stretti hanno scelto di festeggiarla in privato nella sua abitazione di Calco.

L’ultracentenaria di Calco è nata il 25 luglio del 1914 nella Svizzera francese: fuori dall’Italia poiché in quel periodo la sua famiglia si era trasferita all’estero per ragioni di lavoro. Ancora bambina, all’età di sei anni, è poi arrivata in Italia, subito in località Calco di Borgosesia. E dalla frazione non si è mai più spostata. Dopo la morte dei genitori, non essendosi mai sposata, la donna ha continuato a vivere nella casa della famiglia insieme al fratello Zaverio, di pochi anni più giovane. E ancora oggi, seppur entrambi siano molto anziani, vivono da soli in autonomia. Per decenni Mary Grandis ha lavorato come sarta sia per i frazionisti che per tutti coloro che erano interessati alle sue opere: aveva iniziato quasi per caso a quindici anni e quel lavoro l’ha portato avanti fino quasi a settant’anni. Oltre al lavoro di sarta la centenaria si è sempre occupata, finchè la condizioni fisiche glielo hanno permesso, di Calco: in particolare si è impegnata per anni nella manutenzione della chiesetta di San Grato, posta all’entrata della piccola frazione borgosesiana.

Seppur negli ultimo periodo le condizioni fisiche della festeggiata siano un po’ peggiorate, a causa dell’età fa fatica a camminare tranquillamente e a vedere perfettamente la televisione e i giornali, continua a condurre la vita di sempre. Ancora fino allo scorso anno ogni settimana preparava la lista della spesa: non mancava mai almeno mezzo chilo di toma, l’affettato, la carne, il latte e molto altro. L’unico neo è sempre stato per la verdura, non ne è mai stata golosa.
E finchè le sue condizioni fisiche sono state ancora buone più volte al giorno saliva e scendeva la scala a chiocciola che unisce il primo piano con il secondo della sua casa.

Articolo precedente
Articolo precedente