Seguici su

Attualità

Sondaggio acqua per la Provincia. Ma non è vero: allarme in Valsessera

Pubblicato

il

Sondaggio acqua per la Provincia. Ma non è vero: allarme in Valsessera. «La Provincia di Biella ci ha incaricato per effettuare alcune interviste sulla qualità dell’acqua, tra i partecipanti al sondaggio saranno estratti alcuni purificatori d’acqua».

Sondaggio acqua per la Provincia. Ma non è vero: allarme in Valsessera

E’ la frase che centinaia di persone in Valsessera nei giorni scorsi si sono sentiti dire al telefono da una operatrice tanto gentile che dopo aver fatto qualche domanda sulla qualità dell’acqua nel proprio Comune di residenza ha presentato un “bellissimo” depuratore d’acqua. Il rischio è di trovarsi tra qualche giorno l’apparecchio arrivare a casa a propria insaputa.

LEGGI ANCHE Ho il Covid e mi servono soldi. A Ghemme la truffa del finto parente

«La Provincia di Biella – fa presente il sindaco di Coggiola e presidente dell’ente provinciale Gianluca Foglia Barbisin – non ha dato incaricato ad alcuna azienda di effettuare un sondaggio sulla qualità dell’acqua. E’ una pubblicità ingannevole. L’invito quindi è di non rispondere alle domande». Se il pacco con il depuratore dovesse arrivare a casa invece basta rifiutarlo.  L’azienda che ha promosso queste telefonate è sicuramente preparata visto che in alcune telefonate è stata cambiata versione dicendo che l’incarico del sondaggio era stato dal Cordar Valsesia, ma la società che gestisce l’acqua pubblica in Valsessera è all’oscuro di tutto e non ha dato assolutamente alcun incarico.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *