Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Borgosesia ricorda sindaco-eroe con una targa dietro la scuola
Attualità Borgosesia e dintorni -

Borgosesia ricorda sindaco-eroe con una targa dietro la scuola

Emanuele Crestini, primo cittadino di Rocca di Papa, ha perso la vita per le ustioni riportate nell'esplosione del municipio locale. Era stato l'ultimo a lasciare l'edificio, per assicurarsi che fosse stato evacuato.

borgosesia ricorda

Borgosesia ricorda Emanuele Crestini, primo cittadino di Rocca di Papa, con una via dedicata.

Borgosesia ricorda il sindaco eroico

E’ confermato: Emanuele Crestini, sindaco di Rocca di Papa morto in seguito all’esplosione nel suo municipio, avrà una via a lui intitolata a Borgosesia. A darne comunicazione è il primo cittadino Paolo Tiramani: si tratta di un largo, nei pressi dell’accesso di piazza Don Ravelli, a lato della scuola media: «Al momento non ha nome – dice Tiramani -, e presto diventerà largo Emanuele Crestini, in modo da onorare e ricordare questo sindaco, eroe dei nostri giorni, che ha anteposto il bene dei suoi cittadini al proprio». La decisione è stata presa dopo la morte di Crestini, avvenuta nell’ospedale Sant’Eugenio di Roma, dov’era ricoverato in seguito alle ferite riportate nell’esplosione. Il 10 giugno era stato l’ultimo a lasciare il palazzo comunale, dopo essersi preoccupato di aver fatto evacuare dipendenti, consiglieri e cittadini.

Un grande gesto

«Lo avevamo deciso a caldo, e l’abbiamo immediatamente realizzato – prosegue Tiramani -. Il luogo adatto all’intitolazione è stato individuato dall’assessore all’Urbanistica Eleonora Guida, in modo da poter svolgere la cerimonia di intitolazione entro il mese di luglio. Appena la data sarà fissata la comunicheremo ai cittadini: mi auguro di avere una rappresentanza di Rocca di Papa all’evento, e vorrei che i borgosesiani partecipassero numerosi perché oggi abbiamo bisogno di recuperare il valore del senso di responsabilità e giustizia, ed è importante che le storie di quanti sanno rendersi artefici di grandi gesti siano conosciute e diventino esempi per una società migliore».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente