Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Tassa soggiorno a Varallo da giugno
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Tassa soggiorno a Varallo da giugno

Probabilmente ammonterà a 1 euro a persona

Tassa soggiorno a Varallo da giugno. Probabilmente ammonterà a 1 euro a persona

Tassa soggiorno a Varallo da giugno. L’imposta sarà a carico di coloro che utilizzano le strutture ricettive della città

Varallo applicherà l’imposta di soggiorno. L’istituzione della tassa è stata votata in occasione dell’ultimo Consiglio comunale. A introdurre l’argomento l’assessore Alessandro Dealberto. La cittadina ai piedi del Sacro Monte rientra nei parametri del decreto legislativo che ha già portato tante città italiane a fruire di questa possibilità. «L’imposta sarà a carico di coloro che utilizzano le strutture ricettive della città; la quota precisa non è stata ancora ufficializzata, ammonterà probabilmente a 1 euro a persona e non verrà applicata per i bambini al di sotto dei 10 anni e a chi usufruisce della struttura per motivi di lavoro. Per i gruppi saranno applicati degli sconti. Varallo sarà il primo comune del territorio a introdurre l’imposta. Tra le località nelle vicinanze che l’hanno già introdotta c’è Orta, prima di decidere ci siamo confrontati con il suo sindaco».

Le osservazioni di “ViviAmo Varallo” e i pareri di alcuni operatori

Luca Cravanzola del gruppo “ViviAmo Varallo” ha espresso la propria contrarietà all’imposta. «L’idea è buona, riteniamo però che andasse portato avanti un discorso territoriale esteso alle altre località valsesiane». E in città alcuni degli operatori del settore esprimono un giudizio positivo sulla nuova imposta. «Non è una cattiva idea – commentano i gestori dell’Albergo Italia – lo fanno anche nelle altre città turistiche, tuttavia riteniamo che le modalità di gestione e di applicazione delle stesse debbano essere ben valutate per non creare situazioni poco piacevoli. Ci auguriamo poi che le quote dell’imposta siano utilizzate veramente per incrementare le presenze in valle, magari cercando modalità nuove di promozione». Dello stesso parere sono anche i gestori del ristorante “La Sfinge” che vorrebbero fossero portate avanti iniziative mirate per far conoscere il territorio e le attrattive della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente