Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Dispensario farmaceutico: Boccioleto ne ha bisogno

GDL Salute

Attualità
0 commenti.

Dispensario farmaceutico: Boccioleto ne ha bisogno

La giunta comunale ha inoltrato in Regione la richiesta per fornire il servizio in paese

Scritto da: fabianabianchi8@gmail.com

dispensario farmaceutico

Dispensario farmaceutico per garantire il servizio anche a chi non può recarsi in farmacia.

Dispensario farmaceutico la richiesta a Torino

La giunta comunale di Boccioleto ha richiesto alla Regione Piemonte di potere avere un dispensario farmaceutico in paese. La richiesta è stata formulata sulla base di diverse ragioni. Il paese è formato da una popolazione anziana che spesso abita da sola e lontana dia propri congiunti. Persone quindi che statisticamente necessitano di forniture farmacologiche e che sono soggetti a patologie croniche. Spesso hanno anche difficoltà a recarsi nei Comuni limitrofi per prendere i farmaci, soprattutto nel periodo invernale. In inverno inoltre le strade non garantiscono di muoversi in totale sicurezza.

Gli ambulatori

A tutto questo si aggiunge anche il fatto che i servizi sanitari proposti in zona sono ridotti. La presenza del medico in ambulatorio pubblico è ridotta a un’ora alla settimana. Il servizio infermieristico a mezz’ora a settimana. Inoltre due ambulatori medici di Rossa e Carcoforo non sono da alcuni mesi più utilizzati dai medici di famiglia. Per finire la farmacia più vicina è a dieci chilometri di distanza. E anche recarsi in farmacia non è così semplice. In Val Sermenza non c’è alcun trasporto di linea, a eccezione di un servizio a chiamata su prenotazione che deve essere fatta un giorno in anticipo con un limite sulle fasce orarie di utilizzo, il cui costo per andata e ritorno è di cinque euro, ma con circoscritte possibilità di utilizzo.

Niente farmacie in paese

Il Comune di Boccioleto, anche se individuato dalla pianta organica regionale come paese destinatario di farmacia, non ha ottenuto alcuna assegnazione in quanto nessun idoneo al concorso ha scelto questa sede. Da qui l’idea di aprire un dispensario farmaceutico, una proposta approvata dalla giunta regionale per i territori dislocati in comunità rurali o montane disagiate e mal collegate ai centri vicini a causa della difficile viabilità. Il dispensario sarebbe anche utile non solo alla popolazione di Boccioleto, ma anche ai paesi vicini, senza dimenticare la presenza di villeggianti e turisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *