Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Fondazione Valsesia già in pista per la Fase 2: continuano le donazioni
Attualità Borgosesia e dintorni -

Fondazione Valsesia già in pista per la Fase 2: continuano le donazioni

Fra le esigenze post-urgenza di cui occuparsi, il reperimento di posti letto per le persone in convalescenza.

ospedale gattinara

Fondazione Valsesia pensa alla fase due e alle esigenze post-urgenza, come gli spazi per le convalescenze.

Fondazione Valsesia per la fase due

Anche nella cosiddetta “fase 2” la Fondazione Valsesia sarà in azione. «Sarà altrettanto importante della prima fase direttamente collegata all’urgenza – osserva la presidente Laura Cerra -. E per questo la raccolta delle offerte non si ferma». Intanto, in settimana arriveranno all’ospedale di Borgosesia altre attrezzature acquistate grazie alla raccolta fondi, tra cui un’apparecchiatura che permette di aumentare e velocizzare il numero di tamponi. Con “Valsesia per domani” (questo il nome scelto per identificare la fase 2) si andranno ad affrontare problematiche ed esigenze post-urgenza.

I posti letto

L’apertura dei dieci posti letto al Cavs post-covid dell’ospedale di Gattinara rappresenta il primo passaggio: «Entro fine mese saranno ricavati altri dieci posti – evidenzia Cerra -. Si permette di accogliere pazienti che vengono dimessi dagli ospedali, soprattutto da quello di Borgosesia: la Fondazione ha puntato molto su questo per garantire a chi abita nelle nostre zone di avere una convalescenza post-covid in una struttura sicura e controllata dal punto di vista medico».

Lo sport

La Fondazione si occuperà anche di altre problematiche: «Insieme alla Croce rossa stiamo raccogliendo informazioni sulle carenze educative presenti sul territorio, soprattutto per quanto attiene alla sfera sportiva: ogni ragazzo deve poter continuare a fare un’attività sportiva e seguire le proprie predisposizioni».
Con le donazioni raccolte sinora prosegue intanto la dotazione di attrezzature a servizio dell’ospedale di Borgosesia: in settimana arriveranno nuovi monitor e sarà messa in funzione un’apparecchiatura che permette di accelerare il numero di tamponi in modo da garantire una maggiore accuratezza sulla situazione sanitaria del territorio.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *