Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Piemonte zona arancione dal 2 dicembre. Ecco che cosa cambia
Attualità Borgosesia e dintorni -

Piemonte zona arancione dal 2 dicembre. Ecco che cosa cambia

Possono riaprire i negozi, spostamenti liberi all'interno del proprio comune.

Piemonte zona arancione dal 2 dicembre. Ecco che cosa cambia. Possono riaprire i negozi, spostamenti liberi all’interno del proprio comune.

Piemonte zona arancione dal 2 dicembre

L’indice di diffusione RT del virus è oggi in Piemonte è sceso sotto 1. Quando era stata dichiarata zona rossa era 2,16. Un dato che rende pressoché certo che a breve sulla nostra regione saranno alleggerite le misure anti-contagio. Lo annuncia Eraldo Botta, presidente della Provincia. “Ho appena concluso una riunione in videoconferenza con il presidente della Regione, i prefetti, i presidenti di tutte le provincie piemontesi e i sindaci di città capoluogo di Provincia. È emerso che la situazione a livello regionale sta notevolmente migliorando” riferisce Botta.

Verso la riapertura dei negozi

“Tale circostanza porterà il Piemonte al passaggio da zona rossa a zona arancione – spiega Botta -. E’ ipotizzabile che da mercoledì 2 dicembre ( ci saranno ulteriori aggiornamenti), potranno riaprire tutti i negozi, i centri estetici e i mercati non alimentari, sempre nel rispetto delle linee guida dettate dal Dpcm”.
LEGGI ANCHE: Eraldo Botta: treni sulla Novara-Varallo per non affollare i bus

Che cosa potrà cambiare

Per le attività di somministrazione alimentare (bar, pub, ristoranti, pizzerie, pasticcerie e gelaterie) sarà consentita la sola vendita d’asporto e la consegna a domicilio, quindi non ci saranno cambiamenti rispetto alla situazione attuale. Rimarranno chiuse anche le piscine. er le scuole, nonostante il passaggio a zona arancione, che prevederebbe il rientro in presenza dei ragazzi della 2° e 3° media, l’intenzione è quella di continuare con la didattica a distanza a titolo precauzionale, augurandoci di poter passare presto in zona gialla. Consentiti gli spostamenti all’interno del proprio comune, anche senza motivi di necessità e autocertificazione.
LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *