Cronaca Fuori zona -

Furioso con i vicini scende in strada e accoltella il primo che passa

La vittima ha avuto il naso quasi staccato dal fendente.

Furioso con i vicini scende in strada e accoltella il primo che passa. La vittima ha avuto il naso quasi staccato dal fendente.

Furioso con i vicini scende in strada e accoltella il primo che passa

Una situazione paradossale di cui, a farne le spese, è stato un uomo che aveva il solo torto di trovarsi in strada in quel preciso momento. Un uomo di 34 anni di Asti è finito in carcere con l’accusa di lesioni gravi e tentato omicidio.

Come riporta la Nuova Provincia di Asti, i fatti risalono a qualche giorno fa, quando una telefonata alla centrale operativa ha fatto accorrere una pattuglia di carabinieri nel quartiere Praia per una presunta lite finita in aggressione. Ed in effetti i carabinieri avevano trovato un uomo riverso a terra con una profonda ferita al volto e copiosa perdita di sangue.

L’uomo ferito ha sostenuto con forza il fatto di essersi trovato lì per caso e di non conoscere affatto l’aggressore.
LEGGI ANCHE: Lite tra ragazzi: uno rifila all’altro una coltellata nella schiena

Ecco come è andata

Un’indagine che alla fine ha ricostruito la vicenda. il giovane, la sera in cui si è consumata l’aggressione, aveva furiosamente litigato con i vicini di casa per motivi di poco conto che però lo avevano fatto andare in escandescenze. Aveva impugnato un coltello ed era sceso in cortile colpendo la prima persona incontrata senza alcun motivo.

Un’aggressione violenta, che aveva provocato il quasi totale distacco del naso e ferite importanti alle labbra e alla guancia sinistra.

Una volta sfogata la sua rabbia, il giovane, non trovando altri per strada, aveva fatto rientro in casa lasciando la vittima a terra sanguinante senza minimamente preoccuparsi di soccorrerla.

Aggressore arrestato

Il gip ha disposto l’arresto dell’aggressore, e i carabinieri hanno provveduto a notificarlo al giovane che ora si trova in carcere.
Foto d’archivio

2 Commenti

  • Ettore ha detto:

    In un mondo normale e giusto, l’aggressore ora oltre al carcere sarebbe condannato a risarcire profumatamente la vittima. Ma siamo in Italia e non accadrà nulla di tutto questo.

    • enrico ha detto:

      vero !! e può succedere a chiunque, e di qualunque ceto sociale e x copia e incolla, oh ballerino sorridente, oh il mandante e il sicario, i colpi di sole che colpisce la kapacalda, li dovrebbero farli camminare sul marciapiede di ghiaccio, e verrebbe un pianeta sempre verde e profumato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.