Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Rubano il vino in chiesa: incastrati dal parroco
Cronaca Fuori zona -

Rubano il vino in chiesa: incastrati dal parroco

Ladri maldestri arrestati dalla polizia.

Ladri maldestri arrestati dalla polizia. Rubano il vino in chiesa: incastrati dal parroco

Rubano il vino in chiesa: incastrati dal parroco

Ladri maldestri arrestati dalla polizia subito dopo aver rubato il vino in chiesa Torino. Sembra una barzelletta inventata e invece è quanto realmente accaduto l’altra sera a Torino in via San Gaetano, quand’è scattato il sistema d’allarme collegato alle porte di accesso della chiesa. Lo riporta Prima Chivasso.

Il parroco, spaventato perché l’ora era ormai tarda, si messo davanti ai monitor di controllo per vedere cosa stava succedendo. E qui è trasalito: due loschi figuri si erano addentrati nel cortile interno e forse volevano penetrare in canonica. Immediata, ovviamente, la telefonata al 112 Nue (Numero Unico di Emergenza). Sul posto si sono subito fiondate due pattuglie della Squadra Volante che hanno “cinturato” l’edificio così da impedire vie di fuga ai delinquenti.
LEGGI ANCHE: Furto di offerte in chiesa: denunciato giovane di Borgosesia

Trovati con quattro bottiglie di vino

Poi gli agenti sono entrati ed hanno sorpreso i due malfattori. Il primo soggetto, un marocchino di 45 anni, nel tentativo di celarsi alla vista dei poliziotti si era nascosto sotto un furgone. Il suo complice, un 36enne rumeno, si era appiattito dietro un’asse di legno al piano interrato. Una volta scoperti, i due sono stati controllati. Accanto a loro è stata rinvenuta una borsa contenente quattro bottiglie di vino, appena rubate lì, mentre nelle tasche del marocchino c’era anche una lama (forse la metà di un paio di forbici).

Entrambi sono stati arrestati per il reato di furto, e poi lasciati in attesa di giudizio. Il romeno è stato anche denunciato per danneggiamenti visto che ha tentato di sottrarsi scalciando la macchina della polizia.

Tag:, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *