Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Sostegno cane ucciso da un boccone avvelenato
Cronaca Sessera, Trivero, Mosso -

Sostegno cane ucciso da un boccone avvelenato

I padroni dell’animale hanno voluto condividere il loro dolore sulla pagina Facebook. «Un gesto ignobile»

Sostegno cane ucciso da un boccone avvelenato.  Enya, un cane di grossa taglia, è morta a causa da un boccone avvelenato lanciato nel giardino di casa con all’interno probabilmente del topicida. Almeno è quanto ha stabilito anche l’esame autoptico.

Sostegno cane ucciso da un boccone avvelenato

«Giovedì sera la nostra Enya ci ha lasciati dopo due ore di agonia per emorragia interna – viene scritto nel post -. Abbiamo avuto gli esiti dell’autopsia. È stata avvelenata con un topicida». La famiglia ha poi voluto aggiungere: «Fate attenzione ai vostri cani, non che la cosa si possa ripetere. Pensiamo che dal momento in cui un cane possa dar fastidio il senso della parola è stato dato a tutti e quindi basta dirlo, senza arrivare a tanto. Comunque noi prenderemo provvedimenti».

LEGGI ANCHE Cane ucciso con un colpo di carabina, taglia sul responsabile del gesto

Tanta solidarietà

Tanta la solidarietà ricevuta sui social da parte della famiglia. «Non dava fastidio a nessuno», scrive un vicino di casa. E in tanti condannano il gesto. Come detto, il fatto è avvenuto giovedì, il cane era in giardino come sempre. A un certo punto i proprietari non vedendolo più, si sono preoccupati e hanno trovato l’animale riverso a terra nel giardino. Quasi sicuramente qualcuno aveva lanciato all’interno del recinto un boccone avvelenato, questa è stata subito l’ipotesi più probabile. Il cane l’ha mangiato, all’interno però c’era del topicida che in poco tempo ha lesionato gli organi interni. Una fine terribile. Inutile la corsa dal veterinario, ormai per Enya non c’era più nulla da fare. E la stessa padrona non si dà pace: «La mia Enya a parte l’abbaiare ogni tanto non aveva mai dato fastidio a nessuno, aveva un carattere dolcissimo. È successo nel mio giardino, quell’ignobile individuo deve averlo buttato probabilmente con un boccone perché non ne abbiamo trovato traccia».

Tag:,

Un Commento

  • Elena ha detto:

    Maledette bestie, anzi no…..perché a chiamare così simili individui si farebbe un torto agli animali….
    Che fastidio può dare un povero cane che non sia risolvibile, nel caso, parlandone con i proprietari in modo civile e corretto?!
    Codardi schifosi, vi auguro di patire le stesse pene che avete fatto passare a quel povero animale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente