Notizia Oggi Borgosesia > Sport > Presidente donna per la Serravallese calcio: e si riparte
Sport Serravalle e Grignasco -

Presidente donna per la Serravallese calcio: e si riparte

Marilena Carmagnola raccoglie l'eredità di Uber Croso alla guida della società calcistica valsesiana.

presidente donna

Presidente donna alla guida della Serravallese: Marilena Carmagnola raccoglie l’eredità di Uber Croso.

Presidente donna per la Serravallese

Marilena Carmagnola alla guida della società di calcio di Serravalle. «Nella mia Serravallese vorrei vedere lo spirito e la grinta del Toro, la mia squadra del cuore». Infermiera e assessore comunale, di 55 anni, è da pochi giorni nuovo presidente della società calcistica valsesiana. Sulle sue spalle un compito non facile, visto che arriva dopo due figure importanti come Giulia Smaniotto e Uber Croso, scomparso pochi mesi fa. «Una grossa perdita per la società e per Serravalle – riprende Carmagnola – mi spiace prendere il suo posto in questo modo, ma cercherò di rendergli onore. Ha dedicato 50 anni della sua vita alla squadra di calcio del suo paese. Personalmente spero di dare soprattutto un apporto motivazionale ai giocatori e di fare da collante tra squadra e società. Il calcio è nel mio dna, mio papà ha giocato nel Borgosesia e mi ha trasmesso la passione per il Torino e fino all’anno scorso ho fatto l’abbonamento in curva per seguire le partite. Con la Serravallese l’obiettivo è quello di disputare una buona stagione, gettando magari le basi per provare a far ancora meglio. L’importante è che la società diventi attrattiva e invogli a venire allo stadio tanti ragazzini. Per questo punteremo ancora forte sul settore giovanile. E alla ripresa ci auguriamo naturalmente di poter giocare a porte aperte, sperando che in autunno non ci sia una seconda ondata».

Il ricordo

La società, intanto, sta pensando a un’iniziativa per ricordare l’ex presidente: «“The show must go on “ si direbbe nel mondo dello spettacolo – recita un comunicato del sodalizio valsesiano – . E così , come la nostra vita sta riprendendo a piccoli passi verso la normalità, anche la famiglia Serravallese deve andare avanti , dopo il duro colpo per la perdita di Uber . E’ ancora vivo in noi e forte il ricordo di ciò che ha fatto nei suoi decenni di attività in seno alla sportiva e presto sapremo come rendergli giusto tributo. Quando si perde una colonna così importante è giusto e corretto, prendersi un momento e riflettere sul percorso da intraprendere e su come affrontare le nuove sfide che attendono la nostra maglia, per la prossima stagione».

Il mercato

Ma anche durante la fase di transizione, la Serravallese è rimasta attiva sul mercato per rinforzare la prima squadra, che sarà ai nastri di partenza del campionato di Prima categoria. Quattro i colpi già ufficializzati: il più grosso senza dubbio è Alessandro Caviglia, classe 1987, bomber giramondo, con tanti gol in carriera, tra Vigliano, Dufour, Arona e Valduggia. In prestito dalla Dufour, invece, arriva Leonardo Selene, roccioso difensore del 2000, che nella passata stagione ha messo insieme sei presenze in Promozione. Dalla squadra del Sacro Monte torna a casa anche Alessandro Marchili (classe 2000 ) talentuoso centrocampista pronto al grande salto in prima squadra. Un ritorno è anche quello di Alex Biella, attaccante del 1996, cresciuto nel settore giovanile serravallese e reduce da un campionato con la maglia del Lozzolo. I nuovi innesti andranno a rinforzare una rosa che sarà in gran parte riconfermata. E a proposito dello staff tecnico, mister Gianfranco Mora sarà affiancato dal preparatore Stefano Carru e dall’allenatore in seconda Fabrizio Martini.

Il settore giovanile

Da sempre il vivaio è una componente fondamentale per la Serravallese. Quest’estate, nel rispetto delle norme vigenti, sono stati organizzati degli “open day” per i piccoli calciatori (nati dal 2010 al 2013) il martedì e il giovedì alle 18.30 allo stadio Bossi e degli allenamenti per la categoria Giovanissimi/Alllievi, il lunedì sempre alle 18.30. Attività in vista della prossima stagione calcistica, che vedrà come sempre le squadre giovanili granata pronte a dare battaglia su ogni campo. «Infine – chiude il comunicato della società – un enorme grazie al sindaco Massimo Basso e all’intera amministrazione comunale, che ci ha supportato in questo periodo di transizione e programmazione».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *