Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Centralina Postua blocca il progetto e salva il torrente
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Centralina Postua blocca il progetto e salva il torrente

Il progetto è stato ritirato ed è stata richiesta l'archiviazione

schiamazzi a postua

Centralina Postua ritirato il progetto.

Centralina Postua non si farà

Non verrà realizzata la centralina sul rio Forciuola. La società proponente ha deciso di ritirare il progetto chiedendo l’archiviazione alla Provincia di Vercelli. Le resistenze durante la conferenza dei servizi da parte dell’amministrazione comunale e di altre associazioni alla fine hanno fatto desistere la società. E il sindaco Maria Cristina Patrosso spiega: «Come amministrazione comunale grazie al lavoro del geologo Franco Tamone, dell’ingegner Gianfranco Fasanino, del professor Claudio Martignon, della Società di pesca sportiva di Postua, di Italia nostra – Piemonte e di Fausto Noris, è riuscita ad affermare l’incongruenza del progetto della centralina idroelettrica sul rio Forciuola che di conseguenza è stato ritirato».

Un progetto osteggiato

Il progetto è sempre stato osteggiato dalla comunità di Postua. E’ accaduto sin dalla sua presentazione sotto l’amministrazione del sindaco Fausto Noris. Una linea poi tenuta dall’attuale giunta durante i vari incontri. Nella sua ultima relazione presentata l’amministrazione del sindaco Maria Cristina Patrosso aveva sottolineato che «dal recente rapporto di Legambiente quella delle mini-centraline idroelettriche è una tecnologia data e inefficiente che sacrifica territori incontaminati in cambio di una produzione trascurabile nel contesto energetico italiano. Produzione resa redditizia dal governo tanto da alimentare una fiorente compravendita di progetti e autorizzazioni e contro i quali i cittadini e amministrazioni locali hanno poco o nullo potere di opposizione». Era inoltre stato posto l’accento sulle questioni ambientali. L’impianto avrebbe dovuto sorgere lungo l’area montana di Postua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente