Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Ottavio Festa Bianchet: anche il vescovo per l’addio
Attualità Borgosesia e dintorni -

Ottavio Festa Bianchet: anche il vescovo per l’addio

L'imprenditore di Quarona morto a 90 anni: appassionato di montagna, guidò la "Lora e Festa", azienda fondata dal padre nel 1928.

Ottavio Festa Bianchet: anche il vescovo di Novara a Quarona in occasione del funerale dell’imprenditore. Aveva 90 anni.

Ottavio Festa Bianchet, imprenditore che amava la montagna

A Quarona è arrivato anche il vescovo monsignor Franco Giulio Brambilla per la cerimonia funebre di Ottavia Festa Bianchet. Con lui i parroci padre Matteo Borroni e don Carlo Elgo di Alagna. L’imprenditore 90enne è stato salutato da tanta gente, con le guide alpine a portare a spalla la bara. La montagna era infatti la grande passione di Festa Bianchet: con il vescovo era diventato amico durante i soggiorni a Rima San Giuseppe.

La storica filatura di Borgosesia

Il nome di Festa Bianchet è legato alla filatura “Lora & Festa”, fondata nel 1926 dal padre Giacomino insieme ad Alfredo Lora Lamia. L’azienda tessile ebbe sede a Borgosesia, sino agli anni Settanta in piazza Moscatelli sul retro del teatro Sociale, e in tempi più recenti nell’area industriale di regione Torame al confine con Serravalle. La “Lora & Festa” ha cessato l’attività anni fa. Dai dipendenti e collaboratori è ricordato come «il classico imprenditore di una volta, particolarmente attento alle persone».

Tesserato al Cai dal 1939

Profondo era il legame con la montagna, una passione che coltivava sin dalla gioventù tanto da iscriversi giovanissimo al Club alpino italiano: era il decano dei soci della sezione di Varallo, con la tessera datata 1939. Anche per questo, a marzo, era stato chiamato a presiedere l’assemblea sezionale. Era stato eletto presidente dell’associazione “Amici delle guide” di Alagna.

Il legame con Quarona

Originario di Quarona, l’imprenditore aveva sempre vissuto in paese, in corso Rolandi. Il legame con Quarona lo ha anche portato a ricoprire l’incarico di presidente (nominato nel 1959) dell’asilo infantile “Gaetano Zuccone”. E proprio lui, «per l’impegno e la dedizione», aveva ricevuto due anni fa il “Babbio d’argento”. E’ stato socio fondatore del Lions club Valsesia. Festa Bianchet ha lasciato la moglie Piera, le figlie Simonetta e Alessandra e la nuora Rebecca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente