Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Quarona ordinanza contro i mendicanti insistenti
Attualità Borgosesia e dintorni -

Quarona ordinanza contro i mendicanti insistenti

Il provvedimento vieta anche la richiesta di elemosina fuori dalle chiese, dai cimiteri, dai supermercati e al mercato.

quarona ordinanza

Quarona ordinanza che vieta l’accattonaggio molesto e regolamenta la possibilità di chiedere l’elemosina.

Quarona ordinanza sull’elemosina

No alle richieste insistenti o aggressive di denaro: il sindaco di Quarona ha firmato un’ordinanza contro l’accattonaggio. «Vogliamo evitare la presenza in città di persone moleste che abbiano un atteggiamento aggressivo nei confronti degli anziani»: è il pensiero di Francesco Pietrasanta. L’ordinanza anti-accattonaggio è stata una delle prime disposizioni prese dal neo sindaco nei giorni successivi all’insediamento: «Ci è stato segnalato da diversi cittadini la presenza di persone che chiedevano l’elemosina in occasione del giorno di mercato – spiega il primo cittadino -. In particolare una di queste si è dimostrata alquanto insistente, con modi aggressivi, quasi a voler incutere timore nella sua richiesta di denaro. Altre persone si trovano saltuariamente davanti a supermercati e centri commerciali. Gli stessi carabinieri hanno confermato la presenza di questi individui».

Limitare le insistenze

Da queste basi ha preso forma l’ordinanza comunale: «In pratica vogliamo tutelare le persone anziane e più deboli – prosegue Pietrasanta -. Si vuole limitare coloro che hanno comportamenti invadenti, aggressivi. Ci sono cittadini che di fronte alle insistenze del questuante, non si sentono liberi di decidere se dare o meno l’elemosina, sino a sentirsi meno sicuri dall’invadenza dell’altro che li blocca mentre passeggiano o tornano verso l’auto».

Le limitazioni

L’ordinanza proibisce l’accattonaggio molesto (ossia con comportamenti insistenti che vanno oltre il semplice atto di stendere la mano) su tutto il territorio comunale nei luoghi pubblici e limita l’accattonaggio “non molesto” vietandolo in prossimità di cimiteri e luoghi di culto, all’ingresso degli uffici pubblici, negli incroci stradali, al mercato e nelle vicinanze di supermercati. Le violazioni comportano un’ammenda e la confisca del denaro raccolto, oltre a eventuali conseguenze sotto il profilo penale. «Abbiamo seguito le prescrizioni contenute nelle ordinanze firmate a Trino e in altri paesi – conclude il sindaco -, e ora abbiamo uno strumento che permette alla nostra polizia municipale di poter intervenire».

Due anni fa erano stati previsti dei provvedimenti contro i mendicanti troppo insistenti anche a Varallo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente