Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Comune unico Valsessera: Passuello e Foglia ci credono
Politica Sessera, Trivero, Mosso -

Comune unico Valsessera: Passuello e Foglia ci credono

«Sulla fusione serve un confronto serio»

Comune unico Valsessera: Passuello e Foglia ci credono. Il sindaco di Pray  ribatte alle critiche piovute dalla minoranza di Coggiola, che avevano invitato Passuello a smetterla di fantasticare su un progetto al quale pochi credono.

Comune unico Valsessera: Passuello e Foglia ci credono

«Dopo il mio insediamento a livello amministrativo – ricorda il primo cittadino di Pray – ho inviato una lettera ai colleghi sindaci salutandoli e invitandoli a un incontro per confrontarci sulla fusione. E’ un obiettivo inserito nel nostro programma elettorale e a cui crediamo fortemente per dare un futuro al nostro territorio. Abbiamo iniziato già un anno fa un discorso con Coggiola che intendiamo portare avanti. Gli amministratori che vorranno confrontarsi sono i benvenuti senza preconcetti, ma confrontandosi». Ancora da stabilire una data.

L’idea di Coggiola

E dopo un anno Coggiola cosa pensa dell’argomento fusione? «Ho letto le considerazioni del consigliere Paolo Setti – interviene Gianluca Foglia Barbisin -. Come amministrazione intendiamo proseguire nel confronto. Con il Comune di Pray ci eravamo lasciati un anno fa in attesa di conoscere la nuova amministrazione». Il prossimo passo è già stabilito: «Dobbiamo fare quel lavoro che era stato preannunciato allora, mettendo a confronto bilanci e numeri – sottolinea Foglia Barbisin -. Dovremmo entrare nel vivo della discussione fermo restando che sono consapevole che a Coggiola ci sono voci favorevoli, altre contrarie, altre solo possibiliste. Il confronto mettendo vicino tariffe, mutui e conti può servire per avere una idea più precisa sull’argomento. Finora siamo rimasti nel vago». Insomma l’operazione prosegue: «Non vedo perchè non si debba proseguire nel dialogo con il Comune di Pray. Al momento è una questione che stiamo portando avanti a livello di consiglio, però bisognerebbe capire anche cosa ne pensa la popolazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente