Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Tiramani contro 5 Stelle: sindaco e deputato, forza doppia
Politica Borgosesia e dintorni -

Tiramani contro 5 Stelle: sindaco e deputato, forza doppia

«Non sanno l’amore, la forza di volontà e la voglia di fare che metto nella mia azione quotidiana»

uninominale vercelli

Tiramani contro il deputato pentastellato Crippa sul doppio incarico

Tiramani contro 5 Stelle: «Borgosesia avrà la fortuna di avere un sindaco e deputato»

Dal sindaco e parlamentare leghista Paolo Tiramani, riceviamo e pubblichiamo la risposta alle considerazioni di Davide Crippa, deputato del movimento Cinque stelle, sul doppio incarico del primo cittadino a Borgosesia e Roma

«Ho letto con stupore la lettera inviata dall’onorevole Crippa del movimento Cinque Stelle che acidamente e saccentemente critica la mia futura doppia veste di sindaco e parlamentare, veste attribuita da un suffragio popolare e da un elettorato ben conscio del fatto che fossi anche sindaco e che ha rappresentato un punto di forza nell’ultima tornata elettorale, dove, soprattutto al Nord gli elettori hanno preferito capacità e competenza rispetto a incredibili promesse elettorali come il reddito di cittadinanza.

Ringrazio innanzitutto Crippa perché si preoccupa per la mia famiglia e il mio tempo libero che si ridurranno al lumicino per essere al servizio, come sempre, di tutti i cittadini, non solo di Borgosesia ma anche del resto del territorio essendo io l’unico deputato eletto nella Provincia di Vercelli e dovendomi occupare anche del Casalese. Crippa, che non mi conosce direttamente, non sa l’amore, la forza di volontà e la voglia di fare che metto nella mia azione quotidiana, rispondendo a tutti i cittadini e cercando di essere presente ovunque, combattendo la burocrazia e dando una risposta efficace ai problemi della gente.

Borgosesia avrà la fortuna di avere un sindaco e deputato che cercherà nel prossimo mandato parlamentare di recuperare risorse per la propria città e per il proprio territorio, garantendo massima presenza, il nostro movimento ha deciso di portare in Parlamento amministratori locali e non persone scelte con un click. Nel cogliere l’occasione per augurarle buon lavoro, spero che la sua visione oltrepassi le sole tematiche ambientali, spesso figlie di una sua formazione famigliare anche un po’ antiquata, se ha bisogno di comprendere la differenza tra una delibera e una determina, sarò lieto di darle qualche dritta».

Paolo Tiramani

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente