Notizia Oggi Borgosesia > Senza categoria > La Cina non fa più paura, ora è una opportunità
Senza categoria Borgosesia e dintorni -

La Cina non fa più paura, ora è una opportunità

Scenari e prospettive per le imprese

«La Cina: in passato abbiamo trascorso diversi anni a organizzare seminari dal titolo “Cina: minaccia o opportunità”. Mi sembra che abbiamo superato questo dilemma. Si tratta di rivolgersi a questo “continente”, a questo incredibile mercato, con la giusta preparazione e i giusti investimenti. Quel Paese ha subìto cambiamenti radicali e l’approccio nel 2017 non può essere simile a quello del 2010 o del 2000».
Con queste parole Claudia Ferrero, responsabile dell’Area Internazionale e Fiscalità dell’Unione Industriale Biellese, ha aperto martedì scorso la presentazione, nella sede Uib di Biella, unica tappa piemontese, dell’ottava edizione del Rapporto
annuale “Cina 2017 – Scenari e prospettive per le imprese”. Il rapporto previsionale, elaborato dal CeSIF, il Centro Studi per l’Impresa della Fondazione Italia Cina, è giunto quest’anno all’ottava edizione e raccoglie ricerche analisi di rischio e previsioni nel breve-medio periodo sulla Cina; l’edizione del 2017è composta da 486 pagine, 366 grafici, 65 tra tabelle e box.
«In un processo che prevede la crescita degli elementi propri di un modello più
sostenibile (servizi, ambiente, qualità e boom dei consumi) e la riduzione delle
criticità (investimenti improduttivi, debito e sovraccapacità produttiva) – ha spiegato
Alberto Rossi, responsabile marketing della Fondazione Italia Cina e analista del
CeSIF – l’economia cinese ha ottenuto nel 2016 successi sul primo versante, mentre i
progressi per il secondo stentano a rispettare le previsioni: non si è avuto
l’avanzamento atteso nella riduzione della sovraccapacità produttiva, la produzione
industriale è cresciuta, il debito è esploso e gli investimenti in capitale fisso hanno
ripreso a crescere».
In un Paese nel quale il target di crescita del Pil per il 2017 è del 6,5% e prosegue la
crescita dei consumi, trainati dal boom digitale, l’interscambio fa registrare 2.098,16
miliardi di dollari Usa (-7,71%, contro il -2,9% del 2015) e l’import 1.587,42 miliardi
di dollari Usa (-5,49%, contro il -14,2% del 2015); in calo anche il surplus
commerciale: l’avanzo per l’economia cinese è pari a 510,73 miliardi di dollari Usa (-
14%, contro il +54,8% del 2015). Una congiuntura negativa, questa, dovuta al
processo di riforme che sta portando avanti la Cina verso una nuova normalità e un
mercato più maturo, con una crescita più basata sui consumi che su investimenti ed
esportazioni nette.
Sono 170 contro 126 gli investimenti diretti esteri in uscita e in entrata, in miliardi di
dollari Usa. Secondo il Rapporto annuale, per la prima volta nel 2015 la Cina è
diventata un investitore netto, investendo nel mondo più di quanto i Paesi stranieri
abbiano investito in Cina.
Per quanto riguarda gli investimenti in entrata, la Cina è stata nel 2016 il terzo Paese
al mondo per destinazione di flussi, dopo Stati Uniti e Regno Unito; l’Italia è stato il
19° Paese fonte di questi investimenti (223 milioni di dollari Usa), e il 30% di essi
riguarda il settore manifatturiero.
Sul fronte degli investimenti in uscita, la pubblicazione sottolinea come, tra il 2015 e
il 2016, la quota di investimenti nel settore manifatturiero sia passata dal 13,72 al
19,42%.
«Pur in un quadro che presenta indubbie difficoltà e che non è automaticamente
sinonimo di rapida crescita ed espansione – ha affermato il direttore operativo della
Fondazione Italia Cina, Marco Bettin, rivolgendosi agli imprenditori – c’è certamente
ancora spazio per essere ottimisti. Il mercato cinese, complesso e dinamico, rimane
certamente uno dei più strategici: occorre però adattarsi alla “nuova normalità” e
cogliere le opportunità che si presentano. Le imprese dovranno adattare il loro
approccio al nuovo contesto che, privilegiando la qualità, presenta indubbiamente
nuovi spazi per le produzioni a più alto valore aggiunto, tipiche del nostro Paese. Di
certo, nessuna società con ambizioni globali può e potrà permettersi di ignorare il
mercato cinese».
All’incontro sono inoltre intervenuti Silvia Sabato, responsabile dell’area Business
promotion di CEIPiemonte, Emanuele Vitali, co-founder e direttore commerciale di
East Media, e Paola Casiraghi, trade lane manager di Greater China DHL Global
Forwarding Italia. Nel corso dell’appuntamento, Nicolò Zumaglini, Ceo del Lanificio
Subalpino, e Luca Negri, deputy general manager di Giacomini, hanno portato
all’attenzione della numerosa platea (tanti gli imprenditori in arrivo da fuori
provincia) i rispettivi casi aziendali.
A margine dei lavori, è stato dato l’annuncio che, grazie alla collaborazione con la
Fondazione Italia Cina, in autunno l’Unione Industriale Biellese, per il tramite di
AssoServizi, proporrà corsi specifici dedicati alla Cina.

Articolo precedente
Articolo precedente