Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Borgosesia vuole riaprire le scuole per aiutare i genitori che tornano al lavoro
Attualità Borgosesia e dintorni -

Borgosesia vuole riaprire le scuole per aiutare i genitori che tornano al lavoro

Il sindaco chiede al governo di autorizzare l'attivazione di un servizio di assistenza per quei bambini con entrambi i genitori pronti a rientrare al lavoro.

borgosesia vuole

Borgosesia vuole fornire un servizio di assistenza per i bambini con genitori che lavorano: il sindaco Paolo Tiramani interroga Conte.

Borgosesia vuole aprire le scuole

Un servizio di assistenza all’interno delle scuole per i bambini i cui genitori torneranno a lavorare. È la proposta di Paolo Tiramani, sindaco di Borgosesia e deputato leghista. «Secondo quanto stabilito dal Presidente Giuseppe Conte il prossimo 4 maggio riapriranno le aziende ma non le scuole con evidenti problemi per le famiglie italiane – osserva – Se entrambi i genitori tornano al lavoro i figli con chi stanno? Non tutti hanno nonni o famigliari a disposizione e comunque affidarli ai parenti non sempre è sinonimo di sicurezza per la salute soprattutto dei nonni che vanno preservati maggiormente da questo virus».

Il servizio

«Per questo, in qualità di sindaco di Borgosesia chiedo al governo che autorizzi la mia iniziativa, per di più sarebbe a spese dell’amministrazione comunale: offrire un supporto concreto alle famiglie e anche ai piccoli che, dopo 2 mesi chiusi in casa, hanno l’esigenza di giocare e di trascorrere del tempo con i loro coetanei – chiede – Intendo offrire un servizio stile prepost allargato 8/18 solo per le famiglie che hanno esigenze effettive, ovvero entrambi i genitori lavorano, così non risulterebbe un servizio educativo ma di assistenza, all’interno delle strutture scolastiche di proprietà comunale che attualmente sono chiuse, un educatore ogni cinque bambini per classe, ovviamente rispettando spazi e misure di sicurezza».

 Progetto pilota

«L’ultimo dpcm di Conte sembra non dare nemmeno questa possibilità – rileva Tiramani – Anzi, il governo ha liquidato la questione con 15 giorni lavorativi di congedo parentale per uno dei due genitori che si traducono in tre settimane lavorative a fronte di tre mesi di chiusure. È un tema sentito e sociale e per questo auspico non solo che il governo non ne ostacoli la messa in pratica a Borgosesia, il comune che amministro, ma chiedo ufficialmente che lo proponga come progetto pilota e lo estenda subito a tutta Italia per non lasciare sole le famiglie».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente