Seguici su

Attualità

Cimitero Romagnano si amplia con un “giardino dell’essenza”

Pubblicato

il

Cimitero Romagnano si amplia con un “giardino dell’essenza”: partiti i lavori.

Cimitero Romagnano si amplia

Al via i lavori per l’ampliamento del cimitero di Romagnano, all’interno del quale saranno realizzati nuovi loculi e cellette, con la novità di un’area per la dispersione delle ceneri. Se i nuovi spazi per la custodia dei feretri e delle urne saranno costruiti nella continuazione di quelle già esistenti, il cosiddetto “giardino dell’essenza” si troverà nella parte più nuova del camposanto.

L’albero della vita

«Il percorso che porta all’area di dispersione delle ceneri – spiega il vicesindaco e assessore Elena Scolari – è stato mantenuto nei suoi caratteri peculiari, fedele alle indicazioni pervenute dal progetto preliminare, elaborato dall’Ufficio tecnico del Comune e in particolare dall’architetto Anna Simoni, che ha mostrato grande impegno nel proporre diverse soluzioni, secondo gli input forniti dall’amministrazione stessa, che ha voluto prestare particolare attenzione a questo progetto».

Il progetto

«Il progettista dell’opera, l’architetto Giacomo Piancazzo di Gattinara – continua Scolari – ha mantenuto la centralità della posizione dell’albero della vita, valorizzato al punto da creare intorno ad esso un vero e proprio spazio, una sorta di piazza a esedra. Gli ha quindi contrapposto assialmente una siepe di bosso, che simboleggia la nascita, e l’albero della memoria, intorno al quale si sviluppa tutta l’area di dispersione delle ceneri, secondo un percorso circolare, e inclinato, che a sua volta vuole evocare l’ascensione dello spirito».

Una targa per i defunti

Per le persone defunte, che intendono far disperdere le loro ceneri, è prevista anche l’apposizione di una piccola targa in loro ricordo. I lavori, che si prevedeva di concludere entro Ognissanti, ma sono stati ritardati dall’emergenza Covid, dovrebbero terminare entro la metà di novembre.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *